Immagini e video dalla mostra di Elliott Erwitt al CAOS di Terni. Da Grace Kelly a Che Guevara, a Marilyn Monroe, icone dell’artista che piaceva a Robert Capa

Immagini che sono diventate icone del Novecento, dal bacio dei due innamorati nello specchietto retrovisore di un’automobile a una splendida Grace Kelly al ballo del suo fidanzamento, un’affranta Jacqueline Kennedy al funerale del marito, i ritratti di Che Guevara, e Marilyn Monroe. Qualcuno avrà già capito: parliamo di Elliott Erwitt (1928), il grande fotografo colonna […]

Immagini che sono diventate icone del Novecento, dal bacio dei due innamorati nello specchietto retrovisore di un’automobile a una splendida Grace Kelly al ballo del suo fidanzamento, un’affranta Jacqueline Kennedy al funerale del marito, i ritratti di Che Guevara, e Marilyn Monroe. Qualcuno avrà già capito: parliamo di Elliott Erwitt (1928), il grande fotografo colonna della Magnum, reclutato nel 1953 all’interno della celebre agenzia direttamente da Robert Capa. È lui il protagonista della mostra Icons, che nella sede del CAOS – centro arti opificio siri ne ripercorre la carriera e i temi principali attraverso 42 scatti da lui stesso selezionati come i più rappresentativi della sua produzione artistica.

“Evento nell’evento”, l’esposizione di una serie di 9 autoritratti, esclusivi di questa mostra: che si affiancano a immagini di paesaggi, di metropoli, a scatti di denuncia o di viaggio, fino alla serie di incontri tra i cani e i loro padroni, iniziata nel 1946. La mostra sarà aperta dal 5 febbraio al 30 aprile: noi siamo passati alla preview, ecco immagini e video…

www.caos.museum

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.