Immagini dalla grande mostra dei Vivarini a Palazzo Sarcinelli di Conegliano Veneto. Il primo importante focus sull’”altra” arte veneziana, sui rivali dei Bellini

È la prima mostra interamente dedicata alla famiglia di artisti che tra il Quattrocento e il Cinquecento a Venezia si contende il primato con la celebre bottega del Bellini. Segnando un momento di passaggio decisivo dell’arte veneta e italiana dal Gotico fiorito al rigore del Rinascimento. La famiglia di cui parliamo è quella dei Vivarini […]

È la prima mostra interamente dedicata alla famiglia di artisti che tra il Quattrocento e il Cinquecento a Venezia si contende il primato con la celebre bottega del Bellini. Segnando un momento di passaggio decisivo dell’arte veneta e italiana dal Gotico fiorito al rigore del Rinascimento. La famiglia di cui parliamo è quella dei Vivarini – Antonio, Bartolomeo e Alvise -, e a dedicare loro l’importante evento espositivo è Palazzo Sarcinelli di Conegliano Veneto, che – dopo l’importante mostra del Carpaccio – conferma la sua vocazione verso la valorizzazione e lo studio approfondito dei maestri veneti più raramente indagati. In mostra ci sono i più grandi capolavori dei tre Vivarini, dai polittici alle tavole per la devozione privata, storie di santi e di miracoli, e per la prima volta vengono riuniti dipinti normalmente conservati in sedi diverse. In attesa di raccontarvi l’evento con una meritata recensione, noi non ci siamo persi l’inaugurazione: eccovi una galleria di immagini live…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.