Vinicio Capossela al cinema, ma solo per due giorni. Diventa pellicola il suo romanzo Nel paese dei Coppoloni

Il paese dei Coppoloni è il romanzo di Vinicio Capossela, edito da Feltrinelli, con cui l’artista ha guadagnato la candidatura alla 69esima edizione del Premio Strega. Per festeggiare i 25 anni di carriera, l’artista approda ora sul grande schermo, solo il 19 e il 20 gennaio, proprio con l’adattamento di questo romanzo di successo, dove […]

Il paese dei Coppoloni è il romanzo di Vinicio Capossela, edito da Feltrinelli, con cui l’artista ha guadagnato la candidatura alla 69esima edizione del Premio Strega. Per festeggiare i 25 anni di carriera, l’artista approda ora sul grande schermo, solo il 19 e il 20 gennaio, proprio con l’adattamento di questo romanzo di successo, dove sono inclusi 5 inediti tratti dal prossimo album Canzoni della Cupa e classici come Il ballo di San Vito e La marcia del camposanto.
Il film è un’avventura che appartiene all’universo di Capossela, un viaggio cinematografico, geografico, musicale e fantastico nei luoghi di un’Italia dimenticata, ma viva e pulsante. Diretto da Stefano Obino, il film si svolge in Alta Irpinia, tra trivelle petrolifere e case abbandonate, pale eoliche e vecchie ferrovie, boschi, animali selvatici e paesaggi incontaminati. Questi luoghi restituiscono il ritratto di un’Italia forse perduta, ma che ancora oggi vuole raccontare la sua storia e la sua energia. Un Paese in cui volti, personaggi e tradizioni popolari, le chiacchiere di piazza o quelle nelle botteghe resistono al mondo intorno che cambia e perde identità. Capossela, per la prima volta al cinema, è il viandante menestrello che ci permette di entrare in contatto con questo mondo antico facendocene riscoprire autenticità e durezza.

Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.