Lo Strillone: le pagelle di Pistoletto ai campioni del contemporaneo su Il Messaggero. E poi beni statali in affitto, Mao abbattuto in Cina

“Credo che Koons sia geniale: guarda al kitsch e vede la modernità delle cose attraverso l’ironia degli stili. Il suo aspetto ironico mi piace molto. Hirst invece è degenerato: i suoi animali tagliati mi trasmettono solo il vuoto shock del brivido. La street-art di Banksy è interessante, stringe un rapporto diretto con il mondo. Ma […]

Quotidiani
Quotidiani

Credo che Koons sia geniale: guarda al kitsch e vede la modernità delle cose attraverso l’ironia degli stili. Il suo aspetto ironico mi piace molto. Hirst invece è degenerato: i suoi animali tagliati mi trasmettono solo il vuoto shock del brivido. La street-art di Banksy è interessante, stringe un rapporto diretto con il mondo. Ma di sicuro non crea una nuova dimensione, è un momento di passaggio”. È un grande artista italiano come Michelangelo Pistoletto a stilare la sue pagelle sui campioni del contemporaneo globale, nell’intervista rilasciata a Il Messaggero in occasione di un suo intervento al Teatro Argentina, a Roma. Con una conversazione che poi inevitabilmente finisce per concentrarsi sul Terzo paradiso: “L’arte deve dare la possibilità di creare e il simbolo del Terzo Paradiso lo conferma. È costituito da una riconfigurazione del segno matematico d’infinito: tra i due cerchi opposti, con significato di natura e artificio, si congiunge il centrale, simbolo del grembo generativo di una nuova umanità”.

Ville storiche e isole, ex carceri e borghi. Ecco i beni dello Stato in affìtto (per 50 anni)”. Il Corriere della Sera parla dei “208 beni di grande pregio storico, artistico e paesaggistico che sono stati inseriti nel progetto Valore Paese: si tratta di ville, ex caserme, castelli, fari, isole, borghi e conventi, spesso sotto utilizzati o abbandonati. L’Agenzia del Demanio, in collaborazione con Invitalia, Anci, ministeri dei Beni culturali e dello Sviluppo economico, vorrebbe affittarli attraverso dei bandi pubblici a privati (fino a un massimo di 50 anni) e trasformarli in contenitori delle eccellenze del made fn Italy tra arte, storia, musica, moda, artigianato, design ed enogastronomia”. Ordine di demolizione per la statua d’oro di Mao: Il Sole 24 Ore racconta della svolta avvenuta in Cina, dove una “gigantesca statua dorata di Mao Zedong, alta 36 metri, eretta da imprenditori e abitanti del villaggio di Zhushigang, provincia di Henan, non sembra aver incontrato l’approvazione delle autorità locali: che hanno dato ordine di rimuoverla”. L’avevano appena ultimata, spendendoci quasi 3 milioni di yuan (457mila dollari): hanno dovuto smantellarla subito.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Io aggiungo che Maurizio Cattelan grande come Michelangelo Pistoletto che dire di Scala!

  • alex gianotti

    Rottamare Pistoletto !!!!!!!!!!!