I 5 imperdibili della settimana: Massimo Bray, Christine Macel alla Biennale, SetUp Fair, Gagosian Roma, William Kentridge

Per chi si era momentaneamente distratto, per chi in quel momento aveva un appuntamento, oppure per chi vuole sempre e solo il meglio. Qui trovate il riassunto della settimana artistica, attraverso i 5 articoli più gettonati dai lettori di Artribune. Ma poi leggetevi anche gli altri… Tribnews – Qualcosa che colpisce nel profondo ognuno dei […]

Massimo Bray
Massimo Bray

Per chi si era momentaneamente distratto, per chi in quel momento aveva un appuntamento, oppure per chi vuole sempre e solo il meglio. Qui trovate il riassunto della settimana artistica, attraverso i 5 articoli più gettonati dai lettori di Artribune. Ma poi leggetevi anche gli altri…

Tribnews – Qualcosa che colpisce nel profondo ognuno dei nostri lettori: la politica si occupa di cultura. La novità è quella dell’ex ministro Massimo Bray, che si candida alle elezioni a Roma parlando si paesaggio e beni storico artistici

Christine Macel
Christine Macel

Tribnews – Impossibile non prestare la dovuta attenzione: la francese Christine Macel curerà la Biennale Arte di Venezia nel 2017. Biennale che conferma l’opening anticipato, con inaugurazione prevista il 13 maggio

Simona Gavioli e Alice Zannoni - 2016 - photo Massimiliano Mamo Capo
Simona Gavioli e Alice Zannoni – 2016 – photo Massimiliano Mamo Capo

Attualità – Nella settimana della Bologna Art Week, grande curiosità per quel che accade sotto le torri gemelle. Ma a vincere nell’attenzione dei lettori è SetUp Fair, con l’intervista alla presidente Simona Gavioli e al direttore Alice Zannoni
Prototypology, Gagosian Gallery, Roma 08

Attualità – Il processo di gestazione dell’opera d’arte visiva in epoca contemporanea: è questo il focus della prestigiosa collettiva da Gagosian, a Roma

William-Kentridge-portrait

Television – Come dare senso al mondo? La risposta di William Kentridge in un documentario di 30 minuti, per scoprire le dinamiche creative e i processi produttivi dell’artista, tra fallimenti e rivelazioni

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.