Come saranno i gioielli griffati Tracey Emin? Pronta la collezione creata assieme a Stephen Webster: con charms a forma di animali. E di organi sessuali…

I due sono amici di lunga data e lei, tempo addietro, aveva realizzato una scritta a neon per il negozio dell’amico in Rodeo Drive a Beverly Hills: I promise I love You, dentro un grande cuore. Di chi parliamo? Di Stephen Webster, gioielliere di star e celebrity, che sta per lanciare una linea di preziosi disegnata […]

Un pendente firmato Emin

I due sono amici di lunga data e lei, tempo addietro, aveva realizzato una scritta a neon per il negozio dell’amico in Rodeo Drive a Beverly Hills: I promise I love You, dentro un grande cuore. Di chi parliamo? Di Stephen Webster, gioielliere di star e celebrity, che sta per lanciare una linea di preziosi disegnata insieme a Tracey Emin. Quella frase adesso è diventata il titolo della collezione, rigorosamente in oro diciotto carati, che include braccialetti, anelli, ciondoli e orecchini. Sono tanti i modelli, tante le scritte, come “With You I Breathe”, “More Passion”, “Love”, e includono cuoricini e bacetti che sembrano disegnati a mano libera.
Come per marchi di largo consumo, ci sono poi collane o bracciali a cui si possono aggiungere charms, pupazzetti di varie forme, come pendenti: la scelta si orienta nell’universo immaginario della Emin tra lepri, gufetti, rospi e gattini, ma anche peni maschili, che del resto fin dall’antichità erano di buon auspicio. La collaborazione era nell’aria ormai da un po’, e prima di essere esposta negli store di Webster dal 10 febbraio, la collezione è visibile in anteprima su net-a-porter.com dal 20 gennaio. Insomma, per San Valentino fate in tempo a fare acquisti…

Federica Polidoro

http://www.net-a-porter.com/

Uno dei braccialetti griffati Emin
Uno dei braccialetti griffati Emin

 

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.