È Emanuela Daffra la nuova direttrice dell’Accademia Carrara di Bergamo. “Accesso alla cultura come diritto impostato su ricerca, conservazione, educazione e comunicazione”

Ne parlammo in occasione del lancio, sottolineando il fatto che – contrariamente ad altri bandi aperti per posizioni simili, ivi compresi quelli statali – in questo caso al candidato non venivano espressamente richieste doti manageriali utili al futuro fundraising: dando comunque netta prevalenza ai titoli culturali. Ora il bando per il nuovo direttore dell’Accademia Carrara […]

Emanuela Daffra (foto ecodibergamo)

Ne parlammo in occasione del lancio, sottolineando il fatto che – contrariamente ad altri bandi aperti per posizioni simili, ivi compresi quelli statali – in questo caso al candidato non venivano espressamente richieste doti manageriali utili al futuro fundraising: dando comunque netta prevalenza ai titoli culturali. Ora il bando per il nuovo direttore dell’Accademia Carrara di Bergamo, il primo dopo la riapertura dell’aprile 2015 e dall’avvio della Fondazione, è giunto a conclusione, decretando come vincitore Emanuela Daffra. “Si tratta di una figura che conosce bene la nostra città e benissimo Accademia Carrara”, ha dichiarato Giorgio Gori, sindaco di Bergamo e presidente Fondazione Accademia Carrara. “È persona di assoluta competenza, di grande motivazione e con un’idea chiara di quel che la Carrara può divenire, un museo di riferimento con possibilità di grande crescita internazionale“.

LAVORARE SULL’IDENTITÀ A LIVELLO LOCALE, NAZIONALE E INTERNAZIONALE
Milanese nata nel 1960 e storica dell’arte, Emanuela Daffra si è laureata presso l’Università degli Studi di Pavia e ha conseguito il perfezionamento presso l’Università Cattolica di Milano. Dal 1990 è in servizio presso la Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici della Lombardia Occidentale con vari incarichi, fra cui quello di storico dell’arte. Sulla sua scelta ha influito la sua idea, descritta nel progetto presentato per la nomina del nuovo direttore, per il futuro sviluppo della pinacoteca. Secondo Daffra, il futuro dell’Accademia Carrara “si deve basare sull’accesso alla cultura come diritto impostato sulla ricerca, la conservazione, l’educazione e la comunicazione. L’Accademia Carrara dovrà affermare sempre più la propria identità a livello locale, nazionale e internazionale”. Il nuovo direttore assumerà le sue funzioni intorno alla metà di gennaio 2016. L’incarico avrà la durata di quattro anni e potrà essere confermato.

www.lacarrara.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.