Celant fa una mostra ad Art Basel Miami. Nello stand della Galerie Gmurzynska, che compie 50 anni. In fiera, come in un museo

Cinquant’anni di storia gloriosa, da festeggiare con tutti i crismi. In uno dei luoghi più iconici per l’art market internazionale. La galleria svizzera Gmurzynska, che vanta tre sedi fra Zurigo, Zug e St. Moritz, celebra le sue cinque decine nel tiepido dicembre di Miami, fra i corridoi dell’iconica Art Basel. Tempio sacro per le gallerie […]

Zaha Hadid and Suprematism, Galerie Gmurzynska, Zurich
Zaha Hadid and Suprematism, Galerie Gmurzynska, Zurich

Cinquant’anni di storia gloriosa, da festeggiare con tutti i crismi. In uno dei luoghi più iconici per l’art market internazionale. La galleria svizzera Gmurzynska, che vanta tre sedi fra Zurigo, Zug e St. Moritz, celebra le sue cinque decine nel tiepido dicembre di Miami, fra i corridoi dell’iconica Art Basel. Tempio sacro per le gallerie di tutto il mondo, piattaforma perfetta per una visibilità globale.
Non uno stand qualunque, s’intende. Quest’anno, vista l’occasione festosa, lo spazio è ampio e risolto a dovere, in pieno mood museale. Galerie Gmurzynska fa una mostra, dentro Art Basel Miami Beach. E la affida nientemeno che a sua maestà Germano Celant. Sarà lui a costruire un percorso storico-critico, abbracciando la lunga vicenda della galleria, tra un’infinità di conquiste, successi, scoperte ed intuizioni.
La galleria Gmurzynska ha creato un enorme quantità di idee nel corso della sua esistenza lunga 50 anni, stratificasi come una specie di sito archeologico”, spiega Celant. “Ad Art Basel Miami ogni opera selezionata per questo progetto rappresenta quindi un piccolo momento di questa attività, tanto che lo stand si trasforma in un sito di scavo e riscoperta“.

Galerie Gmurzynska, Zurich
Galerie Gmurzynska, Zurich

DA MALEVICH A KLEIN. UN SECOLO DI STORIA DELL’ARTE IN STAND
Sono oltre 300 le mostre realizzate fin qui, nell’arco di questo mezzo secolo, e circa 250 le pubblicazioni, per un lavoro che ha passato in rassegna le Avanguardie russe, il modernismo classico, le ricerche internazionali del dopoguerra, fino alle odierne pratiche trasversali e contaminate. I nomi? Tostissimi, manco a dirlo. Con opere di assoluto rilievo: più di 100 capolavori, di artisti come Malevich, Mirò, Picasso, Motherwell,  Dubuffet, Klein, Bacon, Sonia e Robert Delaunay.
A fare da linea guida, dal punto di vista dell’allestimento e della selezione, il modello dei Salon del Louvre, ma anche il Salon di Gertrude Stein, nella sua casa parigina al 27 di Rue de Fleurus, o ancora lo stile sontuoso dell’Hermitage e l’ultima mostra futurista, tenutasi a Pietrogrado nel 1915.  Tutti riferimenti che, in qualche modo, filtreranno dal discorso curatoriale, dal display e dalle scelte di opere e autori. Una mostra da museo, di taglio storico, dentro una grande fiera d’arte contemporanea. Mercato sì, ma in grande stile.

– Helga Marsala

 www.gmurzynska.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.