Anche Paola Pivi “giganteggia”. Ecco le immagini del backstage della ciclopica scala gonfiabile installata nel cortile di Palazzo Strozzi, a Firenze

Un oggetto “svuotato di qualsiasi funzione pratica, sovradimensionato, instabile, temporaneo, fuori contesto”. E altro non potrebbe essere, una ciclopica ed evidentemente inutilizzabile scala gonfiabile alta oltre 20 metri, giocosa e multicolorata come quelle costruzioni effimere che si trovano nei parchi giochi per bambini, eppure messa a confronto con un’architettura del Rinascimento austera e composta come […]

Un oggetto “svuotato di qualsiasi funzione pratica, sovradimensionato, instabile, temporaneo, fuori contesto”. E altro non potrebbe essere, una ciclopica ed evidentemente inutilizzabile scala gonfiabile alta oltre 20 metri, giocosa e multicolorata come quelle costruzioni effimere che si trovano nei parchi giochi per bambini, eppure messa a confronto con un’architettura del Rinascimento austera e composta come quella di Palazzo Strozzi, a Firenze. “Essa diventa lo strumento di una salita non più fisica ma metaforica dello sguardo e delle emozioni del pubblico”.
Di che parliamo? Della monumentale installazione Untitled (Project for Etchigo-Tsumari), commissionata e prodotta dalla Echigo-Tsumari Triennale in Giappone, che Paola Pivi piazza nel cortile dello storico edificio fra l’11 dicembre e il 28 febbraio 2016. “In contrasto con il controllo prospettico e simmetrico dell’architettura rinascimentale e con i colori misurati e tenui della pietra serena e dell’intonaco del cortile”. Una modalità, quella del “gigantismo”, non propriamente nuovissima: ma qui declinata in una fattispecie inedita, nel confronto tra antico e contemporaneo. Noi non abbiamo resistito, e vi facciamo vedere le immagini delle “prove generali” e del backstage…

www.palazzostrozzi.org

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Giampaolo Abbondio

    Ti prego Lucarossi…lascia stare…già sappiamo…siamo d’accordo…solo che questi se ne fregano.

  • Leone

    ???

  • nick

    … adesso un gonfiabile ingombrante, una scala che dovrebbe invogliare a raggiungere il cielo e che invece underdimentioned arriva solo a metà di una parete del cortile di palazzo strozzi. stendiamo un velo pietoso sul presunto attivismo frenetico del contemporaneo a Firenze. avete visto le luminarie circensi e da son e lumiere che in questo periodo si scagliano sul bargello, sul ponte vecchio e piazza pitti e che secondo i “curatori” di questi eventi dovrebbero contrapporsi ad un progetto come le luci di artista tipo Torino. auguri!