Torino Updates: collezionisti e ospiti speciali coccolati ad Artissima. La Vip Lounge diventa Opium Dem, spazio d’arte e design dal mood orientale

Tutta nuova, quest’anno, la Vip Lounge di Artissima. Da spazio esclusivo per collezionisti e ospiti speciali, a luogo espositivo concepito come un vero e proprio progetto fra art e design. Luogo non più unicamente funzionale, ma anche creativo e seducente, costruito su un’idea del lusso come eccellenza estetica e culturale. A ripensare il salotto dei […]

Artissima 2015, Vip Lounge

Tutta nuova, quest’anno, la Vip Lounge di Artissima. Da spazio esclusivo per collezionisti e ospiti speciali, a luogo espositivo concepito come un vero e proprio progetto fra art e design. Luogo non più unicamente funzionale, ma anche creativo e seducente, costruito su un’idea del lusso come eccellenza estetica e culturale. A ripensare il salotto dei vip è stato Maurizio Vertugno, curatore, che ha pensato a un nome denso di suggestioni esotiche: Opium Dem, con la sua terrazza affacciata sull’Oval, è una dimora dal gusto orientale, con tessuti preziosi, mobili di Sumatra e Giava, ceramiche, smalti e dei tappeti d’artista disegnati da Scarlett Rouge e ispirati alla storia di Torino, con un intreccio di simboli eterogenei. Vi mostriamo qualche scorcio nella nostra fotogallery…

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.