Lo Strillone: Marina Berlusconi al contrattacco contro Elisabetta Sgarbi e Umberto Eco su Il Giornale. E poi affreschi ritrovati a Paestum, Siti Unesco

“Io incompatibile coi libri? Semmai ci credo più di tutti”. Su Il Giornale Marina Berlusconi risponde al gruppo di scrittori che – capitanati da Elisabetta Sgarbi e Umberto Eco – hanno sbattuto la porta di Mondazzoli annunciando la nascita di una loro casa editrice, La nave di Teseo. “Con Elisabetta Sgarbi, che non si era […]

Quotidiani
Quotidiani

Io incompatibile coi libri? Semmai ci credo più di tutti”. Su Il Giornale Marina Berlusconi risponde al gruppo di scrittori che – capitanati da Elisabetta Sgarbi e Umberto Eco – hanno sbattuto la porta di Mondazzoli annunciando la nascita di una loro casa editrice, La nave di Teseo. “Con Elisabetta Sgarbi, che non si era ancora dimessa da direttore editoriale della Bompiani, ho avuto un incontro cordiale. Ho compreso le sue preoccupazioni, almeno quelle dichiarate, e l’ho rassicurata. Il nostro lavoro di 25 anni in Mondadori dimostra meglio di tante parole il modo in cui intendiamo, e svolgiamo, il mestiere dell’editore. Solo che Elisabetta Sgarbi non chiedeva rassicurazioni o garanzie. Chiedeva molto più concretamente di acquistare la Bompiani, unica mossa, a suo dire, che avrebbe potuto tutelare per davvero la casa editrice”. E alle critiche come risponde? “L’aria di libertà che respirano i nostri autori mi pare non venga contestata da nessuno, i conti della casa editrice sono tali che ci hanno consentito questo grande passo, l’acquisizione – in attesa del responso dell’Antitrust – della Rcs libri. Forse è proprio questa la cosa che non va giù: che noi, proprio noi, siamo quelli che nei libri, nel loro futuro, nella loro eterna giovinezza, più di tutti credono”.

Ritrovati affreschi rubati a Paestum. La buona notizia arriva grazie a Il Sole 24 Ore: “È una tomba risalente al 300 avanti Cristo il prezioso reperto ritrovato dai Carabinieri nucleo tutela patrimonio culturale e proveniente dal sito archeologico di Paestum, dove è stata trafugata. A rivestire i resti della tomba, cinque affreschi che ritraggono la vita di un giovane guerriero in trionfo mentre, armato, conduce un mulo che sulla groppa trasporta un carico, probabilmente bottino di guerra. Il ritrovamento è stato presentato ieri dal ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, nella sede del Museo storico dei Carabinieri di piazza Risorgimento, a Roma, insieme al comandante generale dell’Arma, Tullio Del Sette, in occasione della mostra ‘L’Arma custode della memoria’“. 1,2 milioni di euro per i Siti Unesco. Italia Oggi informa che il ministero dei beni culturali finanzierà “soggetti gestori dei siti Unesco e altri eventuali soggetti portatori di interessi in relazione agli stessi siti. Ogni singolo progetto di intervento ammesso potrà beneficiare di un finanziamento massimo di 100mila euro nel caso di singolo sito Unesco, di 250mila euro nel caso di sito Unesco di tipo seriale o paesaggio culturale, di 80mila euro per ognuno dei siti Unesco coinvolti in un progetto unitario, fino a un massimo del 25% dell’importo complessivo stanziato”.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.