Viveredarte, sul web. Nuovo sito per artisti, committenti ed acquirenti, che punta a creare nuovi collezionismi. Facilitando i contatti e aiutando i giovanissimi

Si chiama viveredarte ed è un sistema cross-mediale pensato per  promuovere attraverso diversi canali un mercato dell’arte accessibile a tutti, democratico, tecnologico e smart. Mecanatismo 2.0, per una start-up promossa proprio insieme al brand automobilismo smart. Al centro c’è la piattaforma viveredarte.it, dedicata ai giovani artisti e alla gente comune, con la voglia di vendere e […]

Viveredarte

Si chiama viveredarte ed è un sistema cross-mediale pensato per  promuovere attraverso diversi canali un mercato dell’arte accessibile a tutti, democratico, tecnologico e smart. Mecanatismo 2.0, per una start-up promossa proprio insieme al brand automobilismo smart. Al centro c’è la piattaforma viveredarte.it, dedicata ai giovani artisti e alla gente comune, con la voglia di vendere e acquistare, ma senza passare dai mega circuiti del mercato, da sistemi troppo complessi e da quotazioni inarrivabili.
All’interno il tutto si svolge tra una community di artisti e un market place, un gancio costante con i social e un fitto calendario di attività sui singoli territori. Arte per tutti, dunque, con tre obiettivi principali: aiutare gli artisti a mettersi in contatto con mecenati, compratori e committenti; promuovere un “collezionismo diffuso”, uscendo dalla nicchia consueta e avvicinando le persone qualunque all’arte, anche grazie alla promozione di artisti giovanissimi; invitare brand e aziende a comunicare attraverso l’arte contemporanea, con progetti ad hoc.
Alla base un’idea di “sharing economy”, economia condivisa, possibile solo grazie alle nuove tecnologie digitali e alle pratiche social. L’iscrizione è gratuita e ogni artista avrà la possibilità di caricare, sulla propria vetrina, immagini, informazioni, video di backstage e presentazioni, con prezzi liberamente stabiliti. Trattative di compravendita dirette, senza alcuna commissione per viveredarte. Per chi non vuole o non trova gallerie, un’alternativa da sperimentare, nel segno della piena autogestione.

– Helga Marsala

www.viveredarte.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.