Monica Scanu nuovo direttore dello IED Cagliari. Nuovi progetti formativi e nuovi corsi, a partire dal Fashion. Sposando tradizione locale e sviluppo del terziario

Novità per lo IED di Cagliari, tra le sedi italiane della celebre scuola di design, presente anche in Spagna e in Brasile, che nel 2016 festeggerà i 50 anni dalla sua fondazione. Si è da poco insediata, dopo l’incarico ufficiale estivo, il nuovo direttore del quartier generale sardo: si chiama Monica Scanu, architetto e collaboratrice di […]

Monica Scanu

Novità per lo IED di Cagliari, tra le sedi italiane della celebre scuola di design, presente anche in Spagna e in Brasile, che nel 2016 festeggerà i 50 anni dalla sua fondazione. Si è da poco insediata, dopo l’incarico ufficiale estivo, il nuovo direttore del quartier generale sardo: si chiama Monica Scanu, architetto e collaboratrice di Artribune, con una articolata carriera alle spalle nel settore della formazione in ambito design e un passato recente tra vari enti culturali. Ed eccola, oggi, ai posti di comando dell’importante istituzione scolastica, confrontarsi con un modello formativo d’eccellenza, da declinare secondo le caratteristiche del territorio e i suo punti di forza più spiccati: il mondo del web, il turismo, l’alto artigianato, la tradizione enogastronomica.
Il progetto è partito a luglio, con l’apertura di un nuovo corso triennale in Fashion Design, affidato al coordinamento dei giovani stilisti sardi Massimo Noli e Nicola Frau del marchio Quattromani. Tradizione, alta sartoria e narrazioni fantastiche, giunte dalla memorie dell’isola, diventano spunto di una ricerca contemporanea, tutta proiettata in avanti, scommettendo sulle potenzialità della micro industria tessile locale.
Monica Scanu presenta, giovedì 29 ottobre, l’offerta formativa extra dei corsi triennali della sede cagliaritana, ospite dell’Open Day organizzato da IED Roma. Un appuntamento in cui ribadire, tra l’altro, il senso ed il valore di una scelta non comune e dunque straordinaria: studiare design non a Milano, non a Barcellona, ma in una piccola città insulare, in cui stratificazioni storiche antichissime si mescolano alle recenti conquiste nel campo del turismo, della comunicazione e dell’informazione. Coltivare il talento dei giovani, in questi luoghi, resta una missione fondamentale: risorse che al territorio serviranno, domani, per novi scatti in avanti, per nuove frontiere.

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.