Merda d’artista? Campbell’s Soup? Ora arriva il Fango d’artista: geniale idea dello street artist biodpi per aiutare gli alluvionati del Sannio

Jean Baudrillard distingue “un colpo brillante di tutta l’arte moderna”, ovvero le Campbell’s Soup di Warhol degli anni Sessanta, dalla caduta nello “stereotipo della simulazione” delle Soup Boxes del 1986. La differenza sta tutta nel riprodurre l’inoriginale in maniera originale. Lo street artist di Sant’Agata de’ Goti Fabio della Ratta, aka biodpi, ha una sua […]

Sannio's Mud Soup, il Fango d'artista di Fabio della Ratta, aka biodpi

Jean Baudrillard distingue “un colpo brillante di tutta l’arte moderna”, ovvero le Campbell’s Soup di Warhol degli anni Sessanta, dalla caduta nello “stereotipo della simulazione” delle Soup Boxes del 1986. La differenza sta tutta nel riprodurre l’inoriginale in maniera originale. Lo street artist di Sant’Agata de’ Goti Fabio della Ratta, aka biodpi, ha una sua ricetta per cucinare zuppe ancora originali dopo 50 anni di Pop Art. L’ultima è: “acqua piovana, terriccio Sannita, detriti organici di origine vegetale e animale” (400 g), tutto prodotto e confezionato il 15 ottobre 2015 rigorosamente nel Sannio delle eccellenze enogastronomiche. Il risultato è Sannio’s Mud Soup, barattolo di fango d’artista in vendita per aiutare gli alluvionati di Benevento e provincia.
L’opera, nata in occasione delle esondazioni e delle frane che nelle ultime settimane hanno messo in ginocchio molte famiglie e aziende del Sannio, è disponibile in 50 pezzi firmati e numerati al costo di 20 euro. Il prototipo di latta è già all’asta su eBay, gli altri esemplari potranno essere ordinati dal sito dell’iniziativa o acquistati presso alcuni negozi e gallerie sannite. “La ‘Casa di Schiele’ destinerà il ricavato al ‘Magnifico Visbaal Teatro’ di Peppe Fonzo, danneggiato dall’esondazione“, spiega biodpi. La libreria indipendente Masone-Alisei metterà invece a disposizione un elenco di alluvionati ai quali l’acquirente potrà destinare la donazione. L’iniziativa dello street artist si connetterà così alla raccolta fondi basata sulle potenzialità della moneta locale lanciata dal Distretto di Ecovicinanza Sannio che prevede, in baratto per la donazione, l’equivalente in “SoldiCorti” da spendere presso i negozi locali aderenti (“Tu non perdi niente, il cittadino alluvionato riceve denaro e crescono l’economia locale e la coesione territoriale”). Nel profluvio di trovate #SaveSannio anche l’arte prova a dire la sua…

Alessandro Paolo Lombardo

sanniosmud.weebly.com

 

 

CONDIVIDI
Alessandro Paolo Lombardo
Ignoto poeta e seminoto scrittore, nasce nell’ottobre del 1986 a Benevento. La furente surrealista Maria Gabriella Guglielmi dà un senso al suo percorso universitario, conclusosi con una laurea magistrale in Storia e Critica d’Arte sul fenomeno da lui battezzato “restauro pop”. Dal 2007 al 2012 collabora a fini didattici e creativi con la cattedra di Storia della Fotografia dell’Università degli Studi di Salerno, partecipando come relatore a seminari sul Surrealismo, sul Writing, su Moravia. Giornalista pubblicista, dal 2008 scrive per la spregiudicata testata «bMagazine» e realizza videoreportage. Ha al suo attivo come videomaker anche un corto e un evento multimediale in collaborazione con due amici pazzi. Esponente di una corrente letteraria dai tratti oschi e loschi (Oschi Loschi. Racconti solidi come castelli di carte, Never Mind 2011), è autore del testo Videomodernità. Eredità avanguardistiche e visioni ultracontemporanee tra video e arte (Aracne, 2011).