Lo Strillone: la responsabilità e il divertimento di Miuccia Prada su Il Sole 24 Ore. E poi polo editoriale Feltrinelli, Gianni Pacinotti in arte Gipi

“La scelta di investire sulla città di Milano risale in realtà a più di 20 anni fa quando nel desiderio di allargare i nostri confini abbiamo creato la Fondazione, e le nostre mostre erano presentate in bellissimi spazi industriali recuperati in zona Porta Romana e Piazzale Lodi”. Miuccia Prada prende carta e penna e scrive […]

Quotidiani
Quotidiani

La scelta di investire sulla città di Milano risale in realtà a più di 20 anni fa quando nel desiderio di allargare i nostri confini abbiamo creato la Fondazione, e le nostre mostre erano presentate in bellissimi spazi industriali recuperati in zona Porta Romana e Piazzale Lodi”. Miuccia Prada prende carta e penna e scrive a Il Sole 24 Ore per ripercorrere le vicende e le motivazioni del proprio impegno nella cultura. “Sette anni fa la decisione di aprire uno spazio permanente per continuare il nostro processo di ricerca e studio della conoscenza, di noi stessi e del mondo che ci circonda, e quindi l’impegno di farlo in corrispondenza con l’apertura di Expo. Ci ritroviamo ora con una grande responsabilità, ma anche con un grande senso di ‘divertimento’ per tutte le possibilità che si aprono. Convinti che la cultura sia assolutamente utile e necessaria non solo alle persone ma anche alle aziende cerchiamo con il nostro lavoro di fare il massimo senza essere spinti da alcuna velleità opinionista o politica ma con l’ambizione di mettere la cultura stessa al servizio della vita”.

Si resta a Milano con Italia Oggi, che aggiorna sul polo editoriale targato Feltrinelli che si compirà con la realizzazione della nuova sede progettata da Herzog & de Meuron. “Il polo in viale Pasubio, vicino Porta Volta, sarà inaugurato alla fine dell’anno prossimo e ospiterà anche mostre, proiezioni cinematografiche e spettacoli teatrali oltre all’archivio della fondazione con 1,5 milioni di carte e 250 mila volumi”. L’altro Gipi: La Repubblica scrive di Gianni Pacinotti, in arte Gipi, come autore di graphic novel che col crowfunding ha creato un set di carte per avventure “di ruolo”. “Lo so, i miei lettori radicai chic lo detesteranno. Mi diverte molto l’idea che due anni fa ero candidato allo Strega e quest’anno chi viene a Lucca Comics mi troverà al Padiglione dei giochi, quello più nerd di tutti”.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.