Le gallerie di Reggio Emilia, aperte In contemporanea. Tutte le immagini della seconda edizione della rassegna ricca di mostre, eventi, murales

Per le gallerie di Reggio Emilia costruire iniziative di collegamento non è soltanto un esperimento ma un’idea vincente, che intende proseguire negli anni e si ripropone ora con una formula aggiornata. La seconda edizione della rassegna In contemporanea, che si svolge tra ottobre e novembre, si avvale del sostegno e del patrocinio comunale, dimostrando come […]

In Contemporanea - dispari&dispari Project, veduta allestimento, Patrick Tuttofuoco, Peter Goi, Alterazioni Video

Per le gallerie di Reggio Emilia costruire iniziative di collegamento non è soltanto un esperimento ma un’idea vincente, che intende proseguire negli anni e si ripropone ora con una formula aggiornata. La seconda edizione della rassegna In contemporanea, che si svolge tra ottobre e novembre, si avvale del sostegno e del patrocinio comunale, dimostrando come sia possibile anche nel piccolo una sinergia tra pubblico e privato. Diverse le novità rispetto allo scorso anno, tra le quali una performance di danza e musica alla Galleria 8,75 Artecontemporanea, con la personale di Candida Ferrari,visite guidate in inglese e un murale sul tema della cooperazione per una scuola realizzato da Bibbito, street artist locale ma già affermato in ambito internazionale. Un’opera permanente è stata progettata per la valorizzazione di una zona degradata, col supporto dallo Studio De Bonis,  che porta invece in galleria una monografica di Guttuso.

In Contemporanea - RezArte Contemporanea, The Art of Food Valley, veduta allestimento, Corrado Bonomi
In Contemporanea – RezArte Contemporanea, The Art of Food Valley, veduta allestimento, Corrado Bonomi

L’iniziativa si snoda con la formula accattivante dello scorso anno, una passeggiata vivace ed eterogenea con collettive di ottima qualità, come quella della 2000&Novecento con maestri del contemporaneo come Griffa, Nunzio e Valentini,quella giocata dal Moderno ai giorni nostri di BonioniArte, con opere che spaziano da Capogrossi a Galliani, oltre ai giovani artisti alla Rezarte che si misurano coi prodotti della nostra Food Valley.
Valore aggiunto al percorso sono le new entry, come Dispari e Dispari project, con raccolta di opere di alto livello di Patrick Tuttofuoco, Thomas Klipper, Alterazioni Video, già presentate in luoghi istituzionali, e Zenone Contemporanea che presenta la giovane promessa reggiana Riccardo Freddi.

– Francesca Baboni

www.csart.it  

CONDIVIDI
Francesca Baboni
Francesca Baboni vive a Correggio (Re). Laureata in Lettere Classiche con indirizzo storico-artistico all'Università di Bologna, è critico d'arte, storico dell'arte e curatrice indipendente. Da diversi anni cura per spazi privati ed istituzionali mostre personali e collettive di artisti contemporanei, con un'attenzione particolare alla pittura e alla fotografia. Collabora con il Centro Studi Correggio Art Home dedicato al pittore Antonio Allegri detto Il Correggio per conferenze, ricerche e visite guidate, ed è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Il Correggio, che ne gestisce l'attività.