Galleristi si nasce? No, si diventa. Al Pecci un corso intensivo insegna i trucchi del mestiere. Con la guida di esperti, da Matthew Slotover a Massimo Minini. Iscrizioni sino al 26 ottobre

Dal 2 novembre all’1 dicembre, al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato si impara il mestiere del gallerista. Perché l’attitudine, l’occhio del talent scout e lo spirito avventuriero non bastano. Bisogna imparare a conoscere i meccanismi del mercato dell’arte, gli appuntamenti in giro per il mondo tra cui destreggiarsi, le modalità con cui […]

Il Centro Pecci di Prato

Dal 2 novembre all’1 dicembre, al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato si impara il mestiere del gallerista. Perché l’attitudine, l’occhio del talent scout e lo spirito avventuriero non bastano. Bisogna imparare a conoscere i meccanismi del mercato dell’arte, gli appuntamenti in giro per il mondo tra cui destreggiarsi, le modalità con cui promuovere efficacemente i propri artisti e relazionarsi a collezionisti, case d’asta e istituzioni pubbliche. E poi, è fondamentale avere le competenze gestionali, giuridiche, finanziarie e operative necessarie per aprire, dirigere e far funzionare una galleria.
È quanto promette di insegnare il Pecci nell’ambito di Essere Gallerista, un corso intensivo a numero chiuso, con 4 moduli, che si articoleranno in 18 incontri e 4 workshop e vedranno la partecipazione di esperti, professionisti, artisti e critici, italiani e internazionali: da Matthew Slotover fondatore di Frieze e inventore della fiera londinese che si svolge in questi giorni; a Adam Budak, curatore internazionale, dallo storico gallerista Massimo Minini al collezionista Maurizio Morra Greco. Per iscriversi? C’è tempo sino al 26 ottobre.

www.centropecci.it

CONDIVIDI
Marta Pettinau
Marta Pettinau nasce ad Alghero nel 1984, dove al momento vive e lavora. Ma con la valigia in mano. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia, con una tesi dal titolo “La Biennale Internazionale di Istanbul. Storia, luoghi, esiti di una biennale post-periferica”. Co-curatrice del progetto RI-CREAZIONE per 1:1projects, a Roma, nel 2009; nello stesso ha curato la collettiva Verso Itaca presso Metricubi, a Venezia. Ha collaborato con l’ufficio stampa del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza. Ora è curatrice indipendente e giornalista freelance.