Franco Nucci ospite dei Martedì Critici, alla Quadriennale di Roma. Storia, missione e progetti della Fondazione VOLUME!: la scommessa di un medico collezionista

Terzo appuntamento con i Martedì Critici, ospitato dalla Quadriennale di Roma, per un nuovo ciclo autunnale scandito da interventi, storie, personaggi tutti diversi, fra artisti italiani ed internazionali, e varie personalità di spicco del sistema dell’arte contemporanea. Il prossimo 6 ottobre è la volta di Franco Nucci, fondatore e presidente della Fondazione VOLUME!, chiamato a confrontarsi col […]

Franco Nucci

Terzo appuntamento con i Martedì Critici, ospitato dalla Quadriennale di Roma, per un nuovo ciclo autunnale scandito da interventi, storie, personaggi tutti diversi, fra artisti italiani ed internazionali, e varie personalità di spicco del sistema dell’arte contemporanea.
Il prossimo 6 ottobre è la volta di Franco Nucci, fondatore e presidente della Fondazione VOLUME!, chiamato a confrontarsi col pubblico  e con gli interventi del curatore Alberto Dambruoso, affiancato per l’occasione da Marco Di Capua.
Nucci, che celebra oggi i diciott’anni di attività della sua Fondazione,  ha da poco inaugurato la mostra Passages, in corso fino al 24 gennaio 2016 presso il Musée d’Art moderne et contemporain di Saint-Étienne Métropole. Una mostra pensata per questo compleanno speciale, a soli due anni dall’atteso ventennale.
Nata in un’ex vetreria in via San Francesco di Sales, a due passi dal carcere Regina Coeli, VOLUME! ha ospitato alcuni tra i più grandi artisti del secondo ‘900, riuscendo ogni volta a trasformare lo spazio in maniera radicale, concepito come un contenitore plastico, da modulare e reinterpretare sulla base di progetti sempre potenti, intensi, studiati ad hoc.

Fondazione VOLUME! Passaggi, work in progress, Musee d'art moderne et contemporain de Saint Etienne Metropole, progetto di allestimento Anomia Studio Architetture, foto di © Yves Bresson
Fondazione VOLUME! Passaggi, work in progress, Musee d’art moderne et contemporain de Saint Etienne Metropole, progetto di allestimento Anomia Studio Architetture, foto di © Yves Bresson

Una grande sfida – egregiamente vinta – per il neurochirurgo Nucci, colto collezionista e grande appassionato, che nel 1997 si lanciò nell’impresa, provando a regalare a Roma un luogo di progettualità, dal respiro internazionale, in un’epoca di vuoto istituzionale che non offriva spazi museali e occasioni eccellenti per la scena contemporanea.
Nel 2010 Nucci lancia il Parco Nomade, nella Riserva Naturale Tenuta dei Massimi, un progetto nato per riqualificare il quartiere popolare di Corviale, nella periferia di Roma. Le installazioni, realizzate dagli artisti in collaborazione con gli architetti, vivono all’interno di strutture modulari, flessibili e nomadi, secondo un concetto d’arte pubblica non convenzionale.
“Meglio collezionare pensieri, stati d’animo, i mondi fantastici degli artisti e il loro modo di esprimersi”, ha dichiarato Nucci. “Di tutto ciò sono un grande collezionista”.

–  Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.