Verso Art Basel Miami Beach. Salgono da 11 a 15 le gallerie italiane pronte alla trasferta americana: un segnale positivo?

L’autunno è ormai alle porte, e si avvicina anche la ripresa effettiva della stagione fieristica, che avrà il suo clou in Florida nella prima settimana di dicembre. Mentre l’ambiente è in fermento già da tempo, con l’annuncio – per esempio – delle due nuove fiere X Contemporary e Satellite, lanciate da Brian Whiteley e Matthew […]

Art Basel Miami Beach

L’autunno è ormai alle porte, e si avvicina anche la ripresa effettiva della stagione fieristica, che avrà il suo clou in Florida nella prima settimana di dicembre. Mentre l’ambiente è in fermento già da tempo, con l’annuncio – per esempio – delle due nuove fiere X Contemporary e Satellite, lanciate da Brian Whiteley e Matthew Eck, ex soci a New York in Select Fair, calano gli ultimi veli anche sulla rassegna principe, Art Basel Miami Beach, che comunica l’elenco delle gallerie partecipanti, assieme ad altri dettagli.
Lineup ricca di ben 267 gallerie internazionali provenienti da 32 paesi da Nord e Sud America, Europa, Asia e Africa, 29 delle quali al debutto dal 3 al 6 dicembre al Miami Beach Convention Center. In forte crescita il plotone italiano, che passa nel complesso dalle 11 gallerie dello scorso anno alle 15 del 2015. Fra conferme e ritorni, nella main section troveranno posto Alfonso Artiaco da Napoli, Continua di San Gimignano, le milanesi Massimo De Carlo, kaufmann repetto, Gió Marconi, Lia Rumma, Christian Stein, Zero…, la romana Magazzino, le torinesi Mazzoleni e Franco Noero e la multilocata Tornabuoni. Nella sezione Art Nova torna la milanese Francesca Minini, affiancata dalla ormai romana T293, mentre nella sezione Survey ci sarà Vistamare da Pescara, con opere di Ettore Spalletti.

miamibeach.artbasel.com

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.