Lo Strillone: Renzi e il Museo del Fascismo a Predappio su Il Foglio. E poi Pompei perde pezzi, un bimbo su due non visita un museo

“Ho conosciuto il presidente del Consiglio durante la mia campagna elettorale. Era lo scorso 16 maggio. Gli raccontai la mia idea e lui mi disse delle parole per me definitive: bravo, vai avanti”. Chi parla è Giorgio Frassineti, sindaco PD di Predappio, il presidente del Consiglio di cui parla è Matteo Renzi: e l’idea di […]

Quotidiani
Quotidiani

Ho conosciuto il presidente del Consiglio durante la mia campagna elettorale. Era lo scorso 16 maggio. Gli raccontai la mia idea e lui mi disse delle parole per me definitive: bravo, vai avanti”. Chi parla è Giorgio Frassineti, sindaco PD di Predappio, il presidente del Consiglio di cui parla è Matteo Renzi: e l’idea di cui parla è quella di realizzare il Museo del Fascismo proprio a Predappio, dove il 29 luglio del 1883 nacque Benito Mussolini e dove oggi è sepolto. Racconta tutto Il Foglio: “se ne era parlato tempo fa, quando Frassineti lo aveva annunciato prima di concludere il suo primo mandato. Se ne riparla ora, e ne riparliamo noi, non solo perché il sindaco di Predappio ha dedicato quattro delle ventisei pagine del programma elettorale alla costruzione del museo ma perché, così racconta il sindaco, l’idea di costruire un museo del Ventennio non piace solo agli elettori di Predappio ma è un’idea che convince anche il segretario del Pd e presidente del Consiglio”. Prossimi step? “Tra qualche giorno il comune diventerà formalmente proprietario del palazzo del fascio di Predappio e per costruire il museo, ma vedremo poi il nome che adotteremo, avremo 2.700 metri quadrati calpestabili, con una torre alta 40 metri, e tre piani circondati di marmi. E sono certo che una volta che partirà il progetto stato e governo non mi lasceranno solo“.

Pompei perde pezzi, cade un altro muro. Ad aggiornare il carnet di battaglia è Libero, che informa che “il cedimento di un muretto che delimitava due ambienti non coperti della Caupona di Demetrius e Helpis Afra è stato rilevato ieri negli scavi di Pompei nel corso di sopralluoghi svolti da personale di vigilanza e funzionali. Il muro crollato, informa la soprintendenza, si trova in un’area non aperta al pubblico e dove i lavori di messa in sicurezza cominceranno a breve. Si tratta di un muro ‘in opera incerta, non affrescato, di circa 2 metri di lunghezza restaurato nel dopoguerra’”. Un bimbo su due non legge e non visita un museo. La Stampa riferisce le riflessioni di Save the Children sui dati Istat: “quasi un minore su due (48,4%), tra i 6 e i 17 anni, non ha letto neanche un libro l’anno scorso, più della metà non ha visitato né un sito archeologico (69,4%) né un museo (55,2%); il 45,5% non ha svolto alcuna attività sportiva”.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.