ART Situacions, dalla Spagna all’Italia indagini sulla nuova scena contemporanea. Dieci giovani artisti e una mostra itinerante, fra Roma, Genova, Madrid

  Ludovica Carbotta, Gabriele De Santis, Miren Doiz, Anna Franceschini, José Guerrero, Rubén Guerrero, Diego Marcon, Alek O., Teresa Solar Abboud, Anna Talens. Sono loro i protagonisti della seconda edizione di ART Situacions, iniziativa privata di mecenatismo nata in Spagna, che nel 2013 aveva puntato l’attenzione sulla scena artistica spagnola e portoghese. Quest’anno, accanto alla […]

L'opera di José Guerrero per ART Situacions
L'opera di José Guerrero per ART Situacions

 

Ludovica Carbotta, Gabriele De Santis, Miren Doiz, Anna Franceschini, José Guerrero, Rubén Guerrero, Diego Marcon, Alek O., Teresa Solar Abboud, Anna Talens. Sono loro i protagonisti della seconda edizione di ART Situacions, iniziativa privata di mecenatismo nata in Spagna, che nel 2013 aveva puntato l’attenzione sulla scena artistica spagnola e portoghese. Quest’anno, accanto alla realtà iberica, si indagano poetiche e linguaggi delle nuove generazioni di artisti italiani, promuovendone la ricerca e offrendo nuove vetrine istituzionali. Il lavoro di selezione è stato affidato a una commissione di esperti, nominati dall’organizzazione: sono Maria de Corral, Ilaria Gianni, Lorena Martínez de Corral e Vicente Todolì ad aver messo insieme un piccolo scorcio del milieu creativo definitosi in questi anni fra i due Paesi – l’Italia e la Spagna – con uno specifico riferimento alle arti visive. Il risultato? Una mostra itinerante, che sarà ospitata dal Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce di Genova, dal MACRO di Roma, e dal Matadero di Madrid.

Si prova così ad offrire un contributo scientifico – mediato dallo sguardo personale di un team di curatori – all’indagine sui movimenti culturali che agitano e ridefiniscono le linee del presente: l’arte contemporanea, le new wave, le sensibilità più vive e le urgenze diffuse tra i giovani, sono oggetto – nei casi migliori – di un’attenzione reale, nel bisogno costante di una visione storico-critica. Piccoli tasselli, per delle ipotesi possibili sul presente e l’immediato futuro.
Si parte da Genova, il prossimo 18 settembre, con un’esposizione che durerà fino al 15 novembre. Quindi, a ruota, dal 27 novembre al 31 gennaio 2016 ci si sposta al MACRO, e infine Madrid, dal 19 febbraio all’8 maggio.

– Helga Marsala

www.artsituacions.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.