Annibale Carracci come non l’avete mai visto. Presentato a Roma il restauro completo della Galleria di Palazzo Farnese, ecco le immagini

Un restauro durato diciotto mesi restituisce al pubblico una delle più belle gallerie italiane, visitabile in via straordinaria il 19 e il 20 settembre, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio. Frutto di una sinergia italo-francese tra il Mibact e l’Ambasciata di Francia, il restauro della Galleria Farnese, decorata da Annibale Carracci e il suo […]

Un restauro durato diciotto mesi restituisce al pubblico una delle più belle gallerie italiane, visitabile in via straordinaria il 19 e il 20 settembre, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio. Frutto di una sinergia italo-francese tra il Mibact e l’Ambasciata di Francia, il restauro della Galleria Farnese, decorata da Annibale Carracci e il suo staff tra il 1597 e il 1608, è stato finanziato dal World Monuments Fund e dalla Soprintendenza SPSAE e Polo Museale della Città di Roma. Il restauro, condotto con rigore scientifico, è stato effettuato dall’ATI Farnese, creata per riunire le sei imprese protagoniste del delicato intervento.
La vastissima superficie della galleria (circa 600 m2 in uno spazio di 20 m per 7 m), dove l’unione di affreschi e stucchi ha dato esiti straordinari, ritrova oggi il suo originario splendore. Dopo la messa in sicurezza della galleria, i restauratori hanno eseguito una delicata pulitura delle parti dipinte e di quelle stuccate. Queste ultime erano state interessate da diverse ridipinture che ne avevano nascosto per secoli l’originale luminosità. Inoltre, durante questi interventi, sono venuti alla luce alcuni disegni e iscrizioni di vario tipo, mantenute come testimonianza storica della creazione e della fama della galleria.
Il tema degli Amori degli Dei della decorazione, commissionata per il matrimonio di Ranuccio Farnese con Margherita Aldobrandini, è tratto dalle Metamorfosi di Ovidio e dalle Imagines di Filostrato. La concezione di questo ciclo figurativo ha alla base le esperienze romane di Raffaello e Michelangelo, sia dal punto stilistico che quello iconografico. Di fatto quest’opera congeda il tardo Manierismo e apre le porta al Classicismo e al Barocco, grazie alla sua eleganza e al suo naturalismo, sapientemente ricondotti a canone.

– Calogero Pirrera

Palazzo Farnese
Ambasciata di Francia in Italia
Piazza Farnese 67 – Roma
Per la visita: http://inventerrome.com/index.php/it/visitare-palazzo-farnese

CONDIVIDI
Calogero Pirrera
Calogero Pirrera (1979) è uno storico dell’arte specializzato in arte moderna e contemporanea, videoarte, didattica museale e progettazione culturale. Vive attualmente a Roma. Ha collaborato con la cattedra di Istituzioni di Storia dell’Arte della Facoltà di Architettura di Valle Giulia, con alcune gallerie come Il Ponte Contemporanea e LipanjePuntin, oltre che con Festarte – Festival Internazionale di VideoArte, che lo vede impegnato nella mappatura globale dei festival di videoarte con la rubrica “International Contest”. Ha all’attivo alcune pubblicazioni che indagano l’arte antica come quella contemporanea. Tra le mostre curate si ricorda "Il Duomo di Milano dalla Lombardia all’Europa", ospitata presso il Duomo meneghino nel 2005 e il relativo catalogo. Ha scritto e scrive per EosArte, TribeArt e Artribune.