Buon compleanno Snoopy. Compie 65 anni il mitico beagle creato da Charles Schulz: ecco tutte le volte che ha fatto l’artista

Alzi la mano chi non ha mai sorriso davanti a una di queste vignette. Anzi, ormai – nel pieno dell’era social network – bisognerebbe dire: alzi la mano chi non ne ha mai postata una sulla sua pagina sulla sua pagina Facebook, o allegata una a un tweet. Quali vignette? Quelle che vedono protagonisti Snoopy […]

Alzi la mano chi non ha mai sorriso davanti a una di queste vignette. Anzi, ormai – nel pieno dell’era social network – bisognerebbe dire: alzi la mano chi non ne ha mai postata una sulla sua pagina sulla sua pagina Facebook, o allegata una a un tweet. Quali vignette? Quelle che vedono protagonisti Snoopy e il gruppo di personaggi – animali o umani – che ruotano attorno alla sua cuccia, i Peanuts. Strisce magari per qualcuno scontate o retoriche, ma per la gran parte del pubblico capolavori di raffinato humor, pillole di filosofia venata di esistenzialismo che hanno ammaliato generazioni di lettori e continuano a farlo, anche a 15 anni dalla scomparsa del creatore Charles Monroe Schulz.
Generazioni, sì: perché proprio quest’anno il cagnolino beagle compie 65 anni, con un compleanno fissato per il 10 di agosto dallo stesso creatore. Tradotte in 21 diverse lingue, le striscie sono nel tempo state pubblicate su oltre 2500 giornali o riviste, con una platea di lettori di quasi 400 milioni in oltre 70 Paesi nel mondo. Noi festeggiamo Snoopy alla nostra maniera, con una gallery di tutte le volte che si è reinventato artista…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.