In Toscana l’archeologia industriale rivive nel festival Tuscan Art Industry. Con una mostra site specific e visite guidate alla scoperta di stabilimenti dismessi‏

Quest’anno alla prima edizione, Tuscan Art Industry 2015 si propone di attivare energie, processi e riflessioni collettive, dentro e attorno a edifici di archeologia industriale dell’Ottocento e del Novecento in Toscana. L’innesco? L’arte contemporanea. Dal 13 al 17 luglio, il festival neonato si svolgerà nell’ex Lanificio Lucchesi di Prato, rimasto chiuso per molti anni, e […]

Ex Lanificio Lucchesi, Prato

Quest’anno alla prima edizione, Tuscan Art Industry 2015 si propone di attivare energie, processi e riflessioni collettive, dentro e attorno a edifici di archeologia industriale dell’Ottocento e del Novecento in Toscana. L’innesco? L’arte contemporanea. Dal 13 al 17 luglio, il festival neonato si svolgerà nell’ex Lanificio Lucchesi di Prato, rimasto chiuso per molti anni, e lungo itinerari alla scoperta di luoghi della produzione locali, in stato di abbandono e di inutilizzo da decenni. Tuscan Art Industry intende restituire a questi contenitori ormai vuoti, una rinnovata funzione produttiva, attraverso il lavoro di artisti, curatori, fotografi, musicisti e performer.
Nello spazio dell’ex stabile industriale pratese è stata allestita la mostra collettiva Après coup (dischiusure), con otto artisti di differenti generazioni e provenienza geografica. Invitati a considerare l’edificio come luogo denso di storie e identità, e non come mera cornice espositiva, gli artisti presentano opere – inedite e non – che “pongono al loro centro il paesaggio urbano, l’architettura e le sue trasformazioni, ma anche, a livello più metaforico, i concetti di anacronismo, resto, traccia, intervalli” e che si intrecciano, si sovrappongono e richiamano, in un gioco di rimbalzi più o meno nitido, lo spazio circostante che sono chiamati ad abitare temporaneamente. Gli artisti coinvolti in questa prima edizione di Tuscan Art Industry sono: Carlo Guaita(Palermo, 1954), Daniela De Lorenzo (Firenze, 1959), Andrea Santarlaci (Pisa, 1964), Paolo Meoni (Prato, 1967), Emanuele Becheri (Prato, 1973), Chiara Bettazzi (Prato, 1977), Elena El Asmar (Firenze, 1978), Anna Rose (Massachusetts, USA, 1982).

Marta Pettinau

www.tuscanartindustry.com

CONDIVIDI
Marta Pettinau
Marta Pettinau nasce ad Alghero nel 1984, dove al momento vive e lavora. Ma con la valigia in mano. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia, con una tesi dal titolo “La Biennale Internazionale di Istanbul. Storia, luoghi, esiti di una biennale post-periferica”. Co-curatrice del progetto RI-CREAZIONE per 1:1projects, a Roma, nel 2009; nello stesso ha curato la collettiva Verso Itaca presso Metricubi, a Venezia. Ha collaborato con l’ufficio stampa del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza. Ora è curatrice indipendente e giornalista freelance.