Torna Acca Atelier: studi d’artista aperti a Torino. Con Glasgow e Parigi città ospiti. E l’inaugurazione di uno spazio-laboratorio dove aleggia il fantasma di Cattelan

Seconda edizione a Torino (con un’anticipazione-convegno alla Cavallerizza Reale a cura di Monica Trigona) dell’Acca Atelier, la due giorni (13 e 14 giugno) dedicata agli studi d’artista torinesi aperti al pubblico. Con alcune novità: spazi raddoppiati, con quasi quaranta atelier. E poi Glasgow e Parigi come città ospiti, oltre a Marsiglia e a Lisbona, con […]

Seconda edizione a Torino (con un’anticipazione-convegno alla Cavallerizza Reale a cura di Monica Trigona) dell’Acca Atelier, la due giorni (13 e 14 giugno) dedicata agli studi d’artista torinesi aperti al pubblico. Con alcune novità: spazi raddoppiati, con quasi quaranta atelier. E poi Glasgow e Parigi come città ospiti, oltre a Marsiglia e a Lisbona, con i loro rispettivi artisti in mostra negli studi. Il tutto dislocato in cinque aree della città, dai quartieri più periferici come San Donato e Barriera di Milano, ai più centrali come Valentino e Vanchiglia.
Noi abbiamo scelto quest’ultimo per il nostro tour. Qui, in via Giulia di Barolo, si è inaugurata la casa-studio-laboratorio dell’artista sardo Cosimo Piga e di Lucrezia Calabrò Visconti, curatrice che vanta collaborazioni con Toiletpaper magazine, One Torino di Artissima e Shit and Die di Maurizio Cattelan. Lo studio, tra le pareti riciclate dagli stand della fiera d’arte contemporanea torinese e feticci della mostra di Cattelan, ospita le creazioni originali di Antonio Piga, Kimitake Sato con una valigetta-kit per ospitare un coniglio, di Spela Volcic e l’installazione tecno-vegetale di Valentina Roselli e Marco Scarcella, fatta con una scheda Arduino.
Acca Atelier è un’idea dell’associazione ACCA, composta da sei artisti che operano a Torino quali Claudio Cravero, Carlo Gloria, Jins/Paolo Gillone, Ernesto Morales, Cristiano Piccinelli eWalter Visentin: ecco la fotogallery del nostro tour per gli studi…

– Claudia Giraud

www.accaatelier.com

 

 

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).