Il sistema artistico pugliese che guarda all’Europa. A Lecce CreArt incontra ArTVision per una mostra di video e una performance di Luigi Presicce

La fenomenologia della storia territoriale riletta attraverso l’ottica artistica. L’arte contemporanea fruita nel suo dasein, in una visione che Baumann definirebbe glocal: un collegamento costante, un dialogo sempre aperto, una rete di comunicazione tra realtà locali e internazionali. Sono i principi basilari che sottendono CreArt, progetto per la valorizzazione dei talenti creativi emergenti – che […]

La fenomenologia della storia territoriale riletta attraverso l’ottica artistica. L’arte contemporanea fruita nel suo dasein, in una visione che Baumann definirebbe glocal: un collegamento costante, un dialogo sempre aperto, una rete di comunicazione tra realtà locali e internazionali. Sono i principi basilari che sottendono CreArt, progetto per la valorizzazione dei talenti creativi emergenti – che coinvolge, tra le altre, le città di Valladolid per la Spagna, capofila dell’iniziativa culturale, e Lecce e Genova per l’Italia – con la direzione artistica, per il Comune di Lecce, di Lorenzo Madaro, e ArTVsion, a live art channel, canale transmediale dedicato all’arte contemporanea che include le zone dell’Albania, Croazia, Montenegro, Puglia e Veneto e di cui Artribune è media partner.
Ora i due progetti europei per la comunicazione culturale – in collaborazione con la Fondazione Pino Pascali di Polignano a Mare – s’incontrano e danno vita a Lecce, negli spazi dell’ex convento dei Teatini, dal 25 giugno al 9 luglio, a CreArt invita ArTVision, una mostra per immagini video targata ArTVision. Differenti i temi affrontati per l’evento artistico, a ingresso libero, che hanno come fil-rouge la dimensione territoriale salentina: l’opera di Luigi Presicce (in una performance curata da Marinilde Gianandrea), le attività del Teatro Koreja di Lecce e la trasformazione di Torre Guaceto da riserva naturale a naturale contesto espositivo per l’arte, il workshop e la mostra Southern Photographs e l’esperienza di Lecce Capitale europea della cultura.

Cecilia Pavone

creart-eu.org
artvision.agency

 

 

CONDIVIDI
Cecilia Pavone
Giornalista professionista, Cecilia Pavone è nata a Taranto e ha conseguito la laurea in Filosofia con specializzazione in Storia delle Dottrine Politiche all'Università degli Studi di Bari. Nel suo percorso professionale giornalistico ha lavorato per il quotidiano "Nuovo Corriere Barisera" di Bari specializzandosi nel settore cultura e spettacoli. Tra le sue collaborazioni: "Il Settimanale" di Bari, "Il Resto del Carlino" di Bologna, "Exibart" dal 2007 fino al febbraio 2011, quando ha seguito Massimiliano Tonelli e Marco Enrico Giacomelli alla nuova testata d'arte "Artribune". Attualmente scrive anche su "Lobodilattice.com" e "Metalwave.com".