Franceschini: entro agosto ci saranno i direttori dei primi venti musei statali. Il ministro svela la road map per la chiusura della selezione internazionale

A che punto è la riforma del ministero? In particolare la nomina dei direttori dei venti super musei? “C’è stato un bando internazionale e ora la commissione sta vagliando le candidature”. A qualche mese dal lancio della selezione che porterà a nuove nomine alla direzione dei primi venti musei statali, il ministro dei Beni culturali, […]

Dario Franceschini
Dario Franceschini

A che punto è la riforma del ministero? In particolare la nomina dei direttori dei venti super musei? “C’è stato un bando internazionale e ora la commissione sta vagliando le candidature”. A qualche mese dal lancio della selezione che porterà a nuove nomine alla direzione dei primi venti musei statali, il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, rompe il silenzio: e lo fa nell’intervista concessa a Il Sole 24 Ore, nella quale peraltro chiarisce vari temi in merito ad Art bonus, sponsorizzazioni, agevolazioni fiscali per chi aiuta la cultura.
A fine luglio la commissione mi sottoporrà una terna per ciascun museo e da quei nomi sceglierò i direttori che hanno un inquadramento di prima fascia, mentre il direttore generale dei musei indicherà quelli che hanno un inquadramento di seconda fascia”. Si avvia dunque a concludersi il periodo di prorogatio, che ha – con troppa leggerezza, diciamolo – lasciato per mesi i più importanti musei italiani senza guida: con tutti i problemi organizzativi che si possono facilmente immaginare, mostre affidate alla totale gestione dei curatori, direttori pro-tempore a cui sono andate le patate bollenti della gestione ordinaria in attesa delle nomine.
Il dubbio è: le terne arriveranno a fine luglio, e in piena estate – la data che circolava per le opzioni definitive è quella del 14 agosto – giungeranno decisioni tanto pesanti per il futuro delle maggiori strutture nazionali? E le procedure fileranno lisce, senza gli abituali ricorsi che in Italia possono ancora bloccare qualsiasi procedimento? Ci permettiamo di sollevare qualche dubbio, felici di essere smentiti, se lo saremo…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Paolo Tonin

    Forse andrebbe rivalutato Cesare Lombroso