Venezia Updates: la quiete prima della Biennale. Baratta e Enwezor accolgono giornalisti e critici prima del via, ecco chiccera al party a Ca’ Giustinian

Da oggi li leggerete, ma ancora, fino a ieri sera, regnava un minimo di tranquillità. Con l’apertura dei cancelli della 56a Biennale per giornalisti e critici iniziano giorni frenetici di corse a opening e appuntamenti vari, e poi in sala stampa a scrivere. Anche questo è un aspetto che costruisce un grande evento come la […]

Paola Antonelli e Okwui Enwezor

Da oggi li leggerete, ma ancora, fino a ieri sera, regnava un minimo di tranquillità. Con l’apertura dei cancelli della 56a Biennale per giornalisti e critici iniziano giorni frenetici di corse a opening e appuntamenti vari, e poi in sala stampa a scrivere. Anche questo è un aspetto che costruisce un grande evento come la kermesse veneziana: e ieri sera ha avuto un momento semi-istituzionale con il party di benvenuto offerto dal presidente Paolo Baratta e dal curatore Okwui Enwezor sulla terrazza della sede di Ca’ Giustinian, con vista mozzafiato sul Bacino di San Marco. Chiccera? Da Paola Antonelli a Maria Luisa Frisa, dai “corrieristi” Pier Luigi Panza e Carlo Alberto Bucci a Rocco Moliterni, e poi Alessandra Mammì, Luca Beatrice, uffici stampa come Valeria Regazzoni, Flavia Fossa Margutti, Maria Bonmassar. Tutto quel che crea l’altra faccia della “medaglia” biennalesca, sul piano della comunicazione: ecco le immagini…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.