Venezia Updates: la Biennale ospita Manifesta 11. A Palazzo Trevisan degli Ulivi Salon Suisse dedica una serata a Dada e futuro, ecco le immagini

Dopo San Pietroburgo, la Biennale europea dedicata all’arte contemporanea farà tappa in Svizzera. Dal 9 giugno al 18 settembre 2016 Zurigo aprirà le porte a Manifesta 11: e la kermesse itinerante ha scelto la vetrina della Biennale per presentarsi al popolo dell’arte, con una serata a Palazzo Trevisan degli Ulivi, attualmente sede del Salon Suisse. […]

Dopo San Pietroburgo, la Biennale europea dedicata all’arte contemporanea farà tappa in Svizzera. Dal 9 giugno al 18 settembre 2016 Zurigo aprirà le porte a Manifesta 11: e la kermesse itinerante ha scelto la vetrina della Biennale per presentarsi al popolo dell’arte, con una serata a Palazzo Trevisan degli Ulivi, attualmente sede del Salon Suisse. Da sempre incentrata sulle dinamiche culturali, politiche e sociali dell’Europa, l’edizione numero 11 della rassegna si focalizzerà sul rapporto tra popolazione e denaro, coinvolgendo artisti e professionisti attivi nel capoluogo elvetico, sotto la direzione di Hedwig Fijen e con la curatela di Christian Jankowski.
La programmazione del Salon è dedicata non casualmente al movimento Dada, i cui natali svizzeri sono storicamente noti. Attraverso una serie di incontri e momenti performativi, programmati fino a novembre nel corso di cinque weekend, il Salon Suisse proporrà una riflessione sulla possibilità di ritrovare nel radicalismo Dada un mezzo di salvezza per l’arte attuale. Si è cominciato la sera del 9 maggio, in concomitanza con i festeggiamenti per Manifesta. S.O.S. DADA – The World is A Mess ha dato il via alla sperimentazione di nuove strade di approccio al Dada come strumento da opporre al declino contemporaneo, con una serata di incontri e performance. Un work in progress per costruire inediti sguardi sull’attualità, in linea con lo spirito di Manifesta. Ecco alcune immagini della serata…

Arianna Testino

www.manifesta11.org

 

 

CONDIVIDI
Arianna Testino
Arianna Testino è nata nel 1983. Ha studiato storia dell’arte medievale-moderna a Bologna e si è specializzata nelle arti contemporanee a Venezia. Appassionata di scrittura e curatela, è interessata all'approfondimento e all'ideazione di attività artistiche a carattere pubblico e sociale.