Venezia Updates: con 10 euro vi portate a casa un pezzo di Biennale. Grazie a Marco Fusinato e Rirkrit Tiravanija

All’Arsenale ci sono due tappe partecipative, e due modalità per portarsi a casa un pezzo di Biennale. Contribuendo a una buona causa culturale nel primo caso, acquistando un vero e proprio multiplo nel secondo. La prima opera è un libro realizzato dall’australiano Marco Fusinato, in cui ha raccolto una serie di scritti afferenti l’area della […]

All’Arsenale ci sono due tappe partecipative, e due modalità per portarsi a casa un pezzo di Biennale. Contribuendo a una buona causa culturale nel primo caso, acquistando un vero e proprio multiplo nel secondo. La prima opera è un libro realizzato dall’australiano Marco Fusinato, in cui ha raccolto una serie di scritti afferenti l’area della sinistra extra-parlamentare italiana dagli Anni Sessanta a oggi. Costo dell’opera: 10 euro, da depositare al centro del quadrilatero composto dalle pile degli stessi libri. In questo caso, il ricavato andrà a finanziare il milanese Archivio Primo Moroni, realtà “di movimento” che costituisce una rilavante memoria storica del nostro Paese.
La seconda opera porta la firma di Rirkrit Tiravanija ed è un reenactment di un’opera del 2010. Il titolo è Untitled 2015 (14,086) e consiste nella produzione di 14.086 mattoni – “necessari a costruire una casa semplice per una piccola famiglia in Cina” – che recano impressa la scritta situazionista in ideogrammi “Non lavorate mai”. Produzione che avviene live alle Artiglierie e che può essere vostra, anche in questo caso, alla modica cifra di minimo 10 euro a mattone. Denari che andranno a finanziare la non profit italiana ISCOS, che sostiene a sua volta organizzazioni cinesi “impegnate nel capo dei diritti dei lavoratori”.

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014). In qualità di traduttore, ha curato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.