Torna Open House a Roma. Ecco la lista degli edifici storici e contemporanei normalmente chiusi al pubblico e aperti gratuitamente per un weekend

Strizza l’occhio ad Expo Milano 2015, senza privarsi delle sue granitiche peculiarità: la quarta edizione di Open House Roma, declinazione nazionale della manifestazione nel cui circuito sono coinvolte 28 città nel mondo, da New York a Londra, da Chicago a Barcellona, si conferma come l’appuntamento privilegiato, gratuito e aperto a tutti, per varcare le soglie […]

La Biblioteca hertziana, a Roma

Strizza l’occhio ad Expo Milano 2015, senza privarsi delle sue granitiche peculiarità: la quarta edizione di Open House Roma, declinazione nazionale della manifestazione nel cui circuito sono coinvolte 28 città nel mondo, da New York a Londra, da Chicago a Barcellona, si conferma come l’appuntamento privilegiato, gratuito e aperto a tutti, per varcare le soglie di centinaia di edifici, storici, moderni e contemporanei, della Capitale. Sabato 9 e domenica 10 dunque, senza nessun biglietto da pagare si potrà prendere parte ad oltre 250 visite guidate promosse all’interno di sette distretti capitolini – Centro storico, Flaminio-Parioli, Nomentano-Tiburtina, Esquilino-San Lorenzo, Monteverde-Ostiense, Appio-San Giovanni, Eur-Corviale- e condotte da circa 400 volontari, un “esercito” di studenti, professori, architetti e semplici appassionati al cui impegno e preparazione si deve gran parte del successo dell’iniziativa.
Numerosi gli eventi in programma, tra cui l’inedito focus su architettura, cucina e ricerca a cura della Fondazione GIMEMA onlus, realtà attiva nella ricerca sulla leucemia e sulle altre malattie del sangue. Le modalità di partecipazione ad Open House Roma, promosso e organizzato dall’Associazione Open City Roma con il supporto di Roma Capitale – Assessorato Cultura e Turismo e dell’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia, con il patrocinio del Senato della Repubblica, Sapienza Università di Roma, Università degli Studi Roma Tre, Università degli Studi di Roma Tor Vergata e Biblioteche di Roma, sono state semplificate rispetto agli anni passati: i siti accessibili solo con prenotazione sono stati ridotti e più dell’80% dei luoghi selezionati potranno essere visitati sulla base dell’ordine di arrivo individuale.

Valentina Silvestrini

Lista completa di siti, orari di visita e iniziative collaterali: www.openhouseroma.org

CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Architetto con specializzazione in allestimento e museografia, si è formata presso l’Università La Sapienza e la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia". Ha intrapreso il proprio percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi.​ ​È stata assistente alla progettazione di mostre presso lo studio “Il Laboratorio srl” (Roma, 2004/2007); ha svolto un internship all’ufficio Eventi Speciali di Pitti Immagine srl (Firenze, 2008). All’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero (Roma, 2008/2010) ha ricoperto il ruolo di assistente alla progettazione di layout espositivi e alla direzione lavori, recandosi in centri espositivi ​in Giappone, Russia e Germania. ​Ha curato il coordinamento eventi e ​la​​​ comunicazione​ della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura (Perugia, 2011)​.​ ​​​​​Ha scritto e scrive per ​Abitare, ​abitare.it, ​domusweb.it, ​Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa e Cosebelle Magazine, di cui è caporedattrice design.​ ​Dal 2012 collabora con Artribune​.​