Lo Strillone: nuove tecnologie applicate ai beni culturali e rischio Gardaland su Il Messaggero. E poi Dario Franceschini, Aztechi, Museo Poldi Pezzoli

“Le nuove tecnologie applicate ai beni culturali hanno effetti sorprendenti, ma il ‘rischio Gardaland’ è in agguato”. Fabio Isman su Il Messaggero affronta l’attualissima questione, prendendo spunto da un esperimento visto alla Galleria Corsini a Roma. “C’è chi ha recentemente provato a ‘passeggiare’ in un famoso quadro di Van Gogh, la Notte stellata: l’applicazione va […]

Quotidiani
Quotidiani

Le nuove tecnologie applicate ai beni culturali hanno effetti sorprendenti, ma il ‘rischio Gardaland’ è in agguato”. Fabio Isman su Il Messaggero affronta l’attualissima questione, prendendo spunto da un esperimento visto alla Galleria Corsini a Roma. “C’è chi ha recentemente provato a ‘passeggiare’ in un famoso quadro di Van Gogh, la Notte stellata: l’applicazione va ancora messa a punto, ma può essere stimolante. Perché la realtà, nel campo, non basta più. Alla ricerca di nuovi visitatori, linguaggi più vicini magari a quelli dei nativi digitali, oggi la vogliamo ‘aumentata’. Anche se chissà come si possa ‘aumentare’ ancora di più l’arte dei grandi maestri del passato. Più che aumentata, la realtà è qui ritratta al massimo delle possibilità concesse dagli studi e dalla tecnologia. Per la prima volta è in tre dimensioni (ed enormi formati: quasi due metri); ma senza gli occhialini”.

Italia Oggi il lunedì si diverte con il gioco del “Su&Giù”: e se il “pollice recto” spetta a Leonardo Del Vecchio (“per festeggiare il suo 80° compleanno, il patron di Luxottica regala ai dipendenti ‘veri artefici del successo dell’azienda’ 9 milioni di euro in azioni proprie”), il “pollice verso” va al ministro Dario Franceschini (“a distanza di più di dieci anni non c’è ancora traccia dell’albo dei restauratori. E oltre 25 mila professionisti rischiano l’espulsione dal mercato”). Aztechi, l’eclissi di uno splendore: è Pietro Citati a mettere mano, sul Corriere della Sera, alla sempre affascinante storia di “una civiltà raffinata tutta intenta a placare i suoi dei”: e lo fa a partire da un volume curato da Alessandro Lupo e Luisa Pranzetti per Mondadori che “raccoglie le testimonianze degli spagnoli che raggiunsero il Messico. Usi, costumi, religione: non manca nulla. Neppure lo sgomento degli sconfitti”. Milano che vince: Affari&Finanza fa i complimenti a Umberta Gnutti Beretta, presidente del club del restauro della Fondazione Museo Poldi Pezzoli, che si è aggiudicata il Montblanc de la Culture Arts Patronage Award 2015, riconoscimento tributato dalla Fondazione Montblanc alle personalità impegnate in progetti artistici e culturali.