Samson Young vince il primo BMW Art Journey, premio per giovani artisti promosso con Art Basel. Viaggio intercontinentale, al suono di campane

La guerra e la musica, il rumore di un’esplosione e il suono di una percussione, la sinfonia del male e l’inno alla gioia, l’armonia e il conflitto. Poli opposti che si incontrano, nel progetto “For Whom the Bell Tolls: A Journey Into the Sonic History of Conflict”, elaborato dal giovane artista di  Hong Kong Samson Young, […]

Samson Young

La guerra e la musica, il rumore di un’esplosione e il suono di una percussione, la sinfonia del male e l’inno alla gioia, l’armonia e il conflitto. Poli opposti che si incontrano, nel progetto “For Whom the Bell Tolls: A Journey Into the Sonic History of Conflict”, elaborato dal giovane artista di  Hong Kong Samson Young, vincitore della prima edizione del BMW Art Journey. Nato da una nuova collaborazione tra Art Basel e BMW, il premio nasce per promuovere artisti emergenti internazionali, sostenendone la ricerca.
Al centro del prossimo lavoro di Young due oggetti antichi e affascinanti, accostati nel segno di un cortocircuito radicale: le campane e i cannoni, fatti dello stesso materiale. Appassionato di tecnologia militare, ma con una formazione musicale, l’artista ha rispolverato un’antica tradizione: un tempo, durante i periodi di guerra, le campane venivano fuse per forgiare cannoni; poi, col ritorno della pace, gli armamenti residui tornavano nel fuoco per restituire alle comunità gli originari strumenti percussivi.

Samson Young
Samson Young

Samson Young, grazie al supporto di BMW e Art Basel, intraprenderà un tour mondiale in cerca di campane iconiche, portando avanti un lavoro di documentazione e una parallela produzione grafica, scultorea, sonora: viaggiando attraverso Birmania, Kenya, Austria, Germania, Marocco, Sicilia, Corea del Sud, Australia, Gran Bretagna e Stati Uniti, registrerà suoni e vibrazioni, butterà giù degli schizzi e infine produrrà delle campane in bronzo, oltre a scrivere una composizione per orchestra. Un tour intercontinentale, per un progetto ambizioso, complesso, dai molti risvolti poetici e concettuali, cercando la natura sonora dei conflitti e la segreta vocazione politica, sociale, antropologica del suono.

 – Helga Marsala

www.bmwgroup.com/culture/

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.