Roma, Matteo Basilè da artista a direttore: c’è lui al timone di Visionarea, nuovo spazio presso l’Auditorium Conciliazione. L’opening con Julia Fullerton-Batten

L’idea arriva da un artista, Matteo Basilè, e dall’Associazione Amici dell’Auditorium Conciliazione di Roma. Il supporto è quello della Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, presieduta da Emmanuele Emanuele. Visionarea, come già il nome racconta, è uno spazio dedicato all’immaginazione, allo sconfinamento creativo, all’elaborazione e la sperimentale nell’ambito delle arti visive. Un temporary museum, affidato alla […]

Julia Fullerton-Batten - Julia Fullerton-Batten, Korea, 2015

L’idea arriva da un artista, Matteo Basilè, e dall’Associazione Amici dell’Auditorium Conciliazione di Roma. Il supporto è quello della Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, presieduta da Emmanuele Emanuele. Visionarea, come già il nome racconta, è uno spazio dedicato all’immaginazione, allo sconfinamento creativo, all’elaborazione e la sperimentale nell’ambito delle arti visive. Un temporary museum, affidato alla direzione artistica di Basilè, che prende vita proprio dentro l’Auditorium, tra le aree intorno al intorno al Chorus Cafè e altri ambienti interni, agganciandosi alla sua vocazione culturale ed ampliandola.
Il primo evento, inaugurato lo scorso 28 maggio, è il racconto di un viaggio: appunti fotografici dalla Corea, restituiti col fulgore e l’iper-definizione di una postproduzione digitale, trasformando i luoghi in spazi del sogno e dell’incanto. L’artista, Julia Fullerton-Batten, attraversa la linea di una tradizione millenaria e resistente, con un taglio attuale e un’attitudine da storyteller: l’occhio si sofferma sulle figure femminili, infilate nei loro kimono d’ordinanza e fotografate come immateriali still life, bambole sottovetro, oggetti da collezione, creature oniriche, personaggi immobili di teatrini senza tempo. Brillanti come smalti i colori, aggraziati i gesti e artificiali le pose, nel contrasto fra location metropolitane o sprazzi di vegetazione, outfit classici e dettagli che spezzano il rigore. Incantesimi, sotto forma di favole contemporanee. Curata da Clara Tosi Pamphili, la mostra è in corso fino al prossimo 10 settembre.

– Helga Marsala

www.visionarea.org

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.