La Triennale di Milano vince la battaglia per l’autonomia. Un’istituzione pubblica, riconosciuta come impresa privata. A quando uno svecchiamento per tutti i musei d’Italia?

LA DOPPIA ANIMA DELLA TRIENNALE Finalmente un punto d’arrivo, dopo nove anni di traversie legali. Per la Triennale di Milano arriva la svolta: secondo una sentenza appena emessa dal Consiglio di Stato, che conferma quella precedente del Tar della Lombardia, risalente al 2012, l’istituzione culturale milanese ottiene il riconoscimento della sua autonomia operativa, nel rigoroso […]

Triennale Design Museum
Triennale Design Museum

LA DOPPIA ANIMA DELLA TRIENNALE
Finalmente un punto d’arrivo, dopo nove anni di traversie legali. Per la Triennale di Milano arriva la svolta: secondo una sentenza appena emessa dal Consiglio di Stato, che conferma quella precedente del Tar della Lombardia, risalente al 2012, l’istituzione culturale milanese ottiene il riconoscimento della sua autonomia operativa, nel rigoroso rispetto delle leggi e sotto il controllo dello Stato. E questo nonostante si tratti, a tutti gli effetti, di uno spazio di proprietà pubblica.
I motivi? Tutti nei numeri. Il patrimonio netto della Triennale, che nel 2005 era di 2.756.490,00 euro, nel 2014 ha raggiunto 3.854.284,00 euro, con una quota di finanziamento pubblico pari al 21% (3.143.296,00 euro) a fronte di un bilancio di 14.907.110,00 euro. Insomma, le economie crescono, senza gravare sulle casse statali, mentre diventa indispensabile disporre di quella libertà nella gestione dei progetti e nella governance che le istituzioni totalmente pubbliche – come è noto – non possiedono. In altri termini, tutto questo si traduce in una maggiore rapidità, fluidità e coerenza rispetto agli obiettivi da raggiungere, oltre certe griglie amministrative e certi passaggi contorti, che ogni giorno azzoppano musei nazionali, regionali, comunali.
Con questa sentenza”, ha dichiarato il Presidente di Federculture Roberto Grossi, “si riconosce finalmente che anche le imprese culturali, ancorché di proprietà pubblica, sono imprese a tutti gli effetti e devono essere trattate come tali, eliminando i limiti al loro operato imposti qualora dal legislatore vengono equiparate alla pubblica amministrazione”.

Triennale di Milano
Triennale di Milano

CULTURA, MUSEI E BUROCRAZIA. LA LUNGA STRADA VERSO L’AUTONOMIA
E poi, l’appello al Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, “affinché prenda in mano la situazione e affronti il problema alla radice eliminando le numerose norme che negli anni hanno penalizzato le aziende della cultura, colpendo molte realtà che funzionano e sono esempi di buona gestione ed efficienza”. Appello che i dinosauri della cultura, figli di un conservatorismo vetero statalista, vedranno come insidioso, ma che ha invece ogni sacrosanta ragione: che lo Stato tuteli, controlli, orienti, ma che non condanni a morte chi – anche nel settore pubblico – con la cultura prova davvero a lavorare. Facile immaginare che Franceschini e Renzi – visto il taglio, tra pregi e difetti, delle riforme sulla cultura, la pubblica amministrazione, la scuola – si muoverebbero su questa stessa lunghezza d’onda. Ma il punto è: come arrivare a svecchiare davvero, con serietà, questa polverosa, arrugginita, soffocate macchina burocratica, in cui esistono centinaia di vincoli per ogni occasione buona? Un riformismo rivoluzionario, servirebbe all’Italia. Non già una sua parvenza o timida parodia. Né lo strazio (tutto ideologico) di una perenne barricata.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.