Giovani, appassionati d’arte e disoccupati? Nasce Micart, corso finanziato da Regione Lazio tramite fondi europei. Gratuito, sostenuto dal Maxxi, con stage da Sky

Erano in 280, tutti giovani diplomati o laureati in corsa per superare un’importante selezione, tentando di imboccare la via per una carriera nel mondo dell’arte e della cultura. Solo 36, con un’età media di 26 anni, hanno superato a prova. I primi in assoluto che sperimenteranno la formula del Micart, corso di alta formazione in […]

MAXXI - foto Bernard Touillion - Courtesy Fondazione MAXXI
MAXXI - foto Bernard Touillion - Courtesy Fondazione MAXXI

Erano in 280, tutti giovani diplomati o laureati in corsa per superare un’importante selezione, tentando di imboccare la via per una carriera nel mondo dell’arte e della cultura. Solo 36, con un’età media di 26 anni, hanno superato a prova. I primi in assoluto che sperimenteranno la formula del Micart, corso di alta formazione in “Tecniche di Management per l’Impresa Creativa e le Arti Contemporanee”, finanziato dalla Regione Lazio e promosso da Sky Italia con il supporto della Fondazione MAXXI e dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, attraverso la sua Fondazione INUIT. Il capitolo di spesa interessato è quello relativo al Fondo Sociale Europeo 2007 – 2013,  fondi ottenuti attraverso il bando della Regione Lazio “Progetti pilota nei settori dell’arte e della cultura”.
La struttura ricorda il fortunato corso gratuito in “Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive”, condotto con successo dal’Accademia di Brera fino al 2005, grazie ai fondi FSE: un bel laboratorio formativo, che è stato fucina per molti curatori, critici, addetti stampa, oggi in piena attività professionale.

Studenti a Tor Vergata
Studenti a Tor Vergata

Ricalcando quel modello, Micart stila un programma di sei mesi, con 300 ore di lezione, spalmate tra maggio a ottobre 2015, per offrire alle 24 donne e ai 12 uomini selezionati, nozioni, informazioni e approfondimenti intorno a temi che riguardano l’industria culturale, tra creatività, progettualità, business e management.
Nel dettaglio, saranno quattro i moduli in cui si articoleranno le lezioni frontali e gli incontri con esperti del settore: arte contemporanea italiana e internazionale; progettazione e realizzazione di opere audiovisive e contenuti per la tv e radio; management dell’impresa creativa (organizzazione del flusso di lavoro, scouting e recruiting, fundraising, rapporti con la pubblica amministrazione, etc.); comunicazione, rapporto con la stampa e i media, marketing e promozione eventi.
La partecipazione è naturalmente gratuita: un dettaglio che fa la differenza, laddove l’unica chance per accedere a master qualificati è quella di mettere mani al portafoglio. E al termine del corso non poteva mancare lo stage: offerto da Sky Italia ai tre migliori studenti, per un periodo di sei mesi, sarà regolarmente retribuito.

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • Amalia T.

    bello!! beati!