Il Ministro Dario Franceschini presenta in Val d’Orcia il progetto Itinerari. Treni vintage per un turismo di qualità

Un “viaggio nel tempo” attraverso alcuni dei paesaggi più belli d’Italia, a bordo di carrozze del 1929. Si tratta del “progetto itinerari”, promosso dal Ministero per i Beni e le attività culturali e del turismo e appena presentato in Toscana. “L’Italia è un museo a cielo aperto unico al mondo che i treni possono valorizzare”, […]

Il Ministro Dario Franceschini - photo Matteo Nardone
Il Ministro Dario Franceschini - photo Matteo Nardone

Un “viaggio nel tempo” attraverso alcuni dei paesaggi più belli d’Italia, a bordo di carrozze del 1929. Si tratta del “progetto itinerari”, promosso dal Ministero per i Beni e le attività culturali e del turismo e appena presentato in Toscana. “L’Italia è un museo a cielo aperto unico al mondo che i treni possono valorizzare”, ha detto il Ministro Dario Franceschini che, dopo aver firmato l’accordo Mibact – Regione Toscana presso la Stazione di Siena, è salito sul treno d’epoca per la conferenza stampa itinerante lungo il tragitto Siena-Asciano-Torrenieri/Montalcino-Monte Antico. Lo scopo? Promuovere il turismo slow rilanciando un modello di sviluppo competitivo per “treni non ad alta velocità ma ad alta panoramicità”, dice Franceschini, immaginando un percorso meraviglioso in cui le vecchie stazioni si trasformino in ostelli, trattorie o botteghe di artigiani…

Flavia Zarba

 

 

CONDIVIDI
Flavia Zarba
Nata ad Anzio nel 1985, Flavia Zarba è una giovane giornalista laureata in Giurisprudenza presso la Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dopo tanti anni di accurati studi giuridici, inizia la sua esperienza giornalistica lavorando per Romapost magazine online, dove, oltre ad occuparsi di articoli e recensioni, diventa responsabile della sezione arte-cultura-spettacoli. Come curatrice, la sua attenzione si focalizza soprattutto sull'analisi critica degli eventi, senza tralasciare i dettagli e le curiosità biografiche. Attualmente, oltre a collaborare con Artribune e Romapost si occupa di giornalismo investigativo d'inchiesta curando reportage con IRPI, investigative reporting project Italy, una rete di giornalisti freelance di inchieste giornalistiche.