Salone Updates: il “guru” Daan Roosegaarde al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia. Il futuro del design dell’interazione

Il design è un ambiente mutevole, identificato non più, o almeno non solo, dal prodotto di arredo. Tecnologia e contesti sociali lo rimettono continuamente in discussione, mentre la ricerca gioca a prefigurare nuovi possibili scenari di utilizzo. Ben vengano, dunque, le opportunità per affacciarsi al futuro della disciplina, e scoprire dalla voce degli sperimentatori quali […]

Daan Roosegaarde (credit Daan Roosegaarde)

Il design è un ambiente mutevole, identificato non più, o almeno non solo, dal prodotto di arredo. Tecnologia e contesti sociali lo rimettono continuamente in discussione, mentre la ricerca gioca a prefigurare nuovi possibili scenari di utilizzo. Ben vengano, dunque, le opportunità per affacciarsi al futuro della disciplina, e scoprire dalla voce degli sperimentatori quali nuove vesti prenderà il nostro ambiente domestico e urbano tra qualche anno. A Milano nei giorni del Salone, l’appuntamento è ancora una volta con il palco di Meet the Media Guru, che quest’anno propone (ancora una volta) un ospite di eccezione: Daan Roosengaarde, pioniere olandese nel design dell’interazione. Su Artribune, un’intervista dedicata approfondirà in anteprima i progetti futuristici che Roosengaarde presenterà al pubblico della design week: un’occasione imperdibile, per capire come l’hi-tech applicato al design può regalare poesia o servire in maniera concreta per migliorare la nostra qualità della vita.

– Giulia Zappa

Giovedì 16 aprile 2015 – ore 19.30
Museo Nazionale Scienza e Tecnologia
Via San Vittore 21 – Milano
www.studioroosegaarde.net

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.