Salone Updates: il “guru” Daan Roosegaarde al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia. Il futuro del design dell’interazione

Il design è un ambiente mutevole, identificato non più, o almeno non solo, dal prodotto di arredo. Tecnologia e contesti sociali lo rimettono continuamente in discussione, mentre la ricerca gioca a prefigurare nuovi possibili scenari di utilizzo. Ben vengano, dunque, le opportunità per affacciarsi al futuro della disciplina, e scoprire dalla voce degli sperimentatori quali […]

Daan Roosegaarde (credit Daan Roosegaarde)

Il design è un ambiente mutevole, identificato non più, o almeno non solo, dal prodotto di arredo. Tecnologia e contesti sociali lo rimettono continuamente in discussione, mentre la ricerca gioca a prefigurare nuovi possibili scenari di utilizzo. Ben vengano, dunque, le opportunità per affacciarsi al futuro della disciplina, e scoprire dalla voce degli sperimentatori quali nuove vesti prenderà il nostro ambiente domestico e urbano tra qualche anno. A Milano nei giorni del Salone, l’appuntamento è ancora una volta con il palco di Meet the Media Guru, che quest’anno propone (ancora una volta) un ospite di eccezione: Daan Roosengaarde, pioniere olandese nel design dell’interazione. Su Artribune, un’intervista dedicata approfondirà in anteprima i progetti futuristici che Roosengaarde presenterà al pubblico della design week: un’occasione imperdibile, per capire come l’hi-tech applicato al design può regalare poesia o servire in maniera concreta per migliorare la nostra qualità della vita.

– Giulia Zappa

Giovedì 16 aprile 2015 – ore 19.30
Museo Nazionale Scienza e Tecnologia
Via San Vittore 21 – Milano
www.studioroosegaarde.net

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.