Immagini in anteprima della grande installazione che riporta a Venezia Magdalena Abakanowicz. Una tragica e umana coreografia, da vedere sull’Isola di San Giorgio

“Il senso teatrale di questo gruppo di persone va letto come una volontà di porre sullo stesso livello visitatore e opera in uno scambio tra le ‘folle’ che assume anche il senso di una straordinaria, tragica e umana coreografia; un gioco fra le parti: l’umano e la statua”. Il gruppo di cui si parla è […]

Il senso teatrale di questo gruppo di persone va letto come una volontà di porre sullo stesso livello visitatore e opera in uno scambio tra le ‘folle’ che assume anche il senso di una straordinaria, tragica e umana coreografia; un gioco fra le parti: l’umano e la statua”. Il gruppo di cui si parla è quello formato dalle 110 figure in juta protagoniste della grande installazione Crowd and Individual, che segna il ritorno a Venezia dell’artista polacca Magdalena Abakanowicz, che ha rappresentato la Polonia alla Biennale di Venezia nel 1980. E sono parole di Luca Massimo Barbero, che ha curato la mostra – promossa dalla galleria Beck & Eggeling International Fine Art (Düsseldorf) e da Sigifredo di Canossa, in collaborazione con la Fondazione Giorgio Cini – allestita sull’Isola di San Giorgio Maggiore. L’inaugurazione è prevista per il 13 aprile. fino al 2 agosto: noi l’abbiamo vista in anteprima, ecco le immagini…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.