Il ritorno di AIR – artinresidence. Il sito web italiano dedicato alle residenze d’artista ritorna con una grafica rinnovata e un nuovo pacchetto di servizi

Con una nuova veste grafica e un logo rinnovato, torna online AIR – artinresidence. Il sito web italiano che mappa le residenze per artisti, si aggiunge alla lista di piattaforme internazionali che offrono un servizio analogo, come TransArtists e Residency Unlimited. Nato nel 2010 da un’idea di FARE, AIR è attualmente alloggiato sul sito dell’associazione […]

Con una nuova veste grafica e un logo rinnovato, torna online AIR – artinresidence. Il sito web italiano che mappa le residenze per artisti, si aggiunge alla lista di piattaforme internazionali che offrono un servizio analogo, come TransArtists e Residency Unlimited.
Nato nel 2010 da un’idea di FARE, AIR è attualmente alloggiato sul sito dell’associazione culturale that’s contemporary che, dal 2015, è partner del progetto. AIR – artinresidence  è uno strumento utile non solo per gli artisti che cercano di orientarsi nella selva di residenze sparse da nord a sud, ma anche per quest’ultime che possono creare, gestire e aggiornare il proprio profilo sul sito e contare su una newsletter promozionale e  una presenza attiva di AIR sui principali social network. Il sito offre anche un altro singolare servizio: si chiama sleep in e permette di ricercare opportunità di alloggio nelle strutture di tutta Italia che aderiscono al network. Un’alternativa originale e culturalmente stimolante al b&b o, meglio ancora, al divano a casa del conoscente di turno.
Il 29 e 30 giugno, AIR – artinresidence condurrà il Forum Internazionale delle residenze negli spazi dei Frigoriferi Milanesi. Per l’occasione, sarà presentato il progetto e saranno offerte nuove opportunità di confronto e dialogo sul tema dello scambio interculturale.

Marta Pettinau

http://www.thatscontemporary.com/artinresidence/

CONDIVIDI
Marta Pettinau
Marta Pettinau nasce ad Alghero nel 1984, dove al momento vive e lavora. Ma con la valigia in mano. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia, con una tesi dal titolo “La Biennale Internazionale di Istanbul. Storia, luoghi, esiti di una biennale post-periferica”. Co-curatrice del progetto RI-CREAZIONE per 1:1projects, a Roma, nel 2009; nello stesso ha curato la collettiva Verso Itaca presso Metricubi, a Venezia. Ha collaborato con l’ufficio stampa del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza. Ora è curatrice indipendente e giornalista freelance.