Art Digest: Goya, padre di tutti i fotografi di guerra. Mark Rothko all’università. Penelope Curtis, cinque anni di tagli a Londra

“Il padre di tutti i fotografi di guerra? Goya“. Parola di James Nachtwey, il grande fotoreporter erede di Robert Capa, in Spagna per ricevere il Premio Brajnovic Luka… (abc.es) Quei murales di Mark Rothko per la mensa di Harvard. Il restauro e il nuovo sistema di illuminazione rimettono a nuovo le tele, oggi nel museo […]

Leonora Carrington, The Pomps of the Subsoil, 1947

Il padre di tutti i fotografi di guerra? Goya“. Parola di James Nachtwey, il grande fotoreporter erede di Robert Capa, in Spagna per ricevere il Premio Brajnovic Luka… (abc.es)

Quei murales di Mark Rothko per la mensa di Harvard. Il restauro e il nuovo sistema di illuminazione rimettono a nuovo le tele, oggi nel museo della celebre università americana… (newyorker.com)

Vi racconto mia cugina Leonora Carrington. In occasione della mostra aperta alla Tate Liverpool fino a fine maggio, ecco l’ultima intervista dell’ultima surrealista realizzata nel 2010 da Joanna Moorhead… (telegraph.co.uk)

Cinque anni alla guida della Tate Britain, da ricordare soprattutto per i grandi tagli al settore artistico. Penelope Curtis lascia la direzione del museo londinese per assumere il timone del museo Gulbenkian di Lisbona… (theguardian.com)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.