Lo Strillone: l’arte del sonno da Pompei a Kate Moss su La Stampa. E poi Philharmonie di Parigi, Tahar Ben Jelloun, Virgilio Sieni

“La prima è una culla Thonet disegnata nella del Vienna 1885, segue il mucchio di brande militari, accatastate l’una sopra l’altra quasi al cielo, per ricordare i troppi che là sono nati e morti, come Ansel Kiefer ha voluto nell’installazione del 2011”. La Stampa va a Vienna per recensire una mostra assai curiosa alla XXIer […]

Quotidiani
Quotidiani

La prima è una culla Thonet disegnata nella del Vienna 1885, segue il mucchio di brande militari, accatastate l’una sopra l’altra quasi al cielo, per ricordare i troppi che là sono nati e morti, come Ansel Kiefer ha voluto nell’installazione del 2011”. La Stampa va a Vienna per recensire una mostra assai curiosa alla XXIer Haus del Belvedere, diretta dal veneziano Mario Codognato (“tipico esempio d’ingegno italiano, trascurato da noi, ma chiamato dall’Europa a un incarico di alto prestigio”): si intitola Sleepless, e presenta dipinti, sculture, video, foto, installazioni per raccontare il letto nei secoli. “Doveva costare 200 milioni di euro e invece non ne sono bastati 380”. È sabato, e in edicola c’è Io Donna, che raggiunge Parigi per una riflessione sulla nuova Philarmonie di Parigi di Jean Nouvel a due mesi dall’inaugurazione del 15 gennaio: “la 69enne star degli architetti ha trascinato i committenti in tribunale, le udienze sono cominciate a metà febbraio: Nouvel pretende che le difformità fondamentali rispetto al progetto originario siano corrette, in particolare i colori della facciata e la copertura dei riflettori nella sala da concerto”.

Coloro che sostengono che terrore e Islam sono la stessa cosa tradiscono tutto quello che di buono l’Occidente si è conquistato”. La Repubblica batte il tema caldissimo presentando il nuovo libro di Tahar Ben Jelloun: che rappresenta “il disagio di chi si oppone all’Islam radicale ma anche alle troppe ipocrisie occidentali”. Teatro su Il Manifesto, che va a Bologna dove il Teatro Comunale mette in scena Le Sacre di Igor’ Stravinskij nella lettura di Virgilio Sieni: “dal lontano archetipo, la quasi leggendaria interpretazione che ne diede cent’anni fa Vaslav Niinskij con i Balletti russi di Djagilev in una tumultuosa serata parigina, non ha cessato di calamitare l’attenzione di artisti molto diversi, fino al vero e proprio balletto meccanico inscenato di recente da Romeo Castellucci”.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.