Immagini dalla preview di Carpaccio a Conegliano. Una piccola-grande mostra, che svela una luce nuova sugli ultimi anni del maestro veneziano

“Oggi si possono fare delle grandi mostre, ma quasi nessuno se le può permettere. Oppure si possono fare delle mostre focalizzate, di ricerca, che analizzino particolari temperie o aspetti dell’arte“. Così il curatore Giandomenico Romanelli ha esordito presentando la mostra dedicata a Vittore Carpaccio che si apre oggi a Palazzo Sarcinelli di Conegliano: che si […]

Oggi si possono fare delle grandi mostre, ma quasi nessuno se le può permettere. Oppure si possono fare delle mostre focalizzate, di ricerca, che analizzino particolari temperie o aspetti dell’arte“. Così il curatore Giandomenico Romanelli ha esordito presentando la mostra dedicata a Vittore Carpaccio che si apre oggi a Palazzo Sarcinelli di Conegliano: che si pone in realtà a cavallo fra le due fattispecie. Non mancano infatti capolavori in grado di farne un evento molto seguito – dal celebre Leone Marciano al Salvator Mundi, al San Giorgio e il drago dell’Abbazia di San Giorgio -, ma l’approccio è quello della ricerca, con un focus sugli ultimi anni della produzione capace di incidere sulla storiografia dell’artista. Se ne riperlerà a breve su Artribune con una recensione arricchita dall’intervista a Romanelli: intanto, una carrellata di immagini dalla preview…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.