Iacurci e 2501 a Torpignattara, ultime firme per il progetto Light up Torpigna! Due nuovi murales appena sfornati a Roma. Le prime foto

Ultima fase per il progetto capitolino “Light up Torpigna!”, intervento multiplo per Torpignattara, promosso dall’Associazione Wunderkammern e sostenuto dall’Assessorato alla Cultura, Creatività, Promozione Artistica e Turismo di Roma Capitale. La sfida: accendere una luce nuova nel quartiere, sfruttando la potenza delle immagini e regalando un altro volto a strade sconosciute, a edifici qualunque, a scorci […]

Agostino Iacurci, Clear Sky on the Pink House, 2015 - foto © Giorgio Coen Cagli

Ultima fase per il progetto capitolino “Light up Torpigna!”, intervento multiplo per Torpignattara, promosso dall’Associazione Wunderkammern e sostenuto dall’Assessorato alla Cultura, Creatività, Promozione Artistica e Turismo di Roma Capitale. La sfida: accendere una luce nuova nel quartiere, sfruttando la potenza delle immagini e regalando un altro volto a strade sconosciute, a edifici qualunque, a scorci di città degradati, invisibili, marginali, che la street art – come ormai sistematicamente avviene a Roma – reinventa e riqualifica, restituendoli ai residenti ma anche allo sguardo del mondo.
Dopo i primi due wall giganti, firmati da Sten Lex e dal francese Ludo, portati a termine  a metà febbraio 2015, ecco svelati i nuovi due lavori. Agostino Iacurci, presenza costante tra le strade di Roma, selezionato per un gran numero di commissioni pubbliche e private, torna con questa ennesima superficie immaginativa, prova di superba abilità tecnica, senso del colore e utilizzo intelligente dello spazio: Clear Sky on the Pink House si spalma sull’intonaco rosa di una casa di Via Oddi, su cui si innestano ritagli di cielo azzurro saturo, lasciando che una fila di personaggi – nel suo tipico stile illustrativo – scandisca il rettangolo fantastico. Uccelli, nuvole e i volti a metà di chi, al di là del muro, guarda verso l’orizzonte, articolando e contraddicendo i rapporti tra interno ed esterno, tra realtà e immaginazione, tra spazio abitativo e spazio del sogno.

2501, Assonometria del cerchio, 2015 - foto © Giorgio Coen Cagli
2501, Assonometria del cerchio, 2015 – foto © Giorgio Coen Cagli

Tutt’altro segno per  Jacopo Ceccarelli aka 2501, altra figura di spicco della scena italiana, con importanti esperienze in giro per il mondo e una fusione tutta sua tra spiritualità buddista, controcultura street, studio analitico delle superfici, simbolismi mistici e iconografie arcaiche. Torna anche qui, in questo angolo di Roma, la sua firma personalissima rappresentata da linee ondulate e parallele bianche e nere, che saturano l’immagine come impronte, livelli chiaroscurali, estensioni a fisarmonica di forme plastiche, texture sinuose. Per Assonometria del cerchio, lavoro che si sviluppa in verticale sullo stabile della scuola Manzi, al Pigneto, 2501 abbandona qualunque riferimento figurativo, per scegliere unicamente il piano dell’astrazione. Il fulcro visivo è il cerchio giallo – unico punto di colore – che sormonta l’immagine e da cui si sviluppa la dinamica geometrica dell’intera struttura. Grande rigore compositivo, per un artista che si colloca a pieno titolo nel panorama della nuova astrazione pittorica internazionale.

– Helga Marsala

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.