Art Digest: Fleure Pellerin, fotografa fuorilegge. Fine della storia dell’idraulico collezionista. Drake, il rap a regola d’arte

Vietato fotografare, ma la ministra francese Fleure Pellerin se ne frega e posta Pierre Bonnard su Instagram. E allora il Musée d’Orsay di Parigi fa il democratico, e abolisce il divieto per tutti… (abc.es) Sei anni di prigione, colpevole di 18 capi di imputazione per frode. E non basta: il consulente d’arte tedesco Helge Achenbach […]

Fleur Pellerin

Vietato fotografare, ma la ministra francese Fleure Pellerin se ne frega e posta Pierre Bonnard su Instagram. E allora il Musée d’Orsay di Parigi fa il democratico, e abolisce il divieto per tutti… (abc.es)

Sei anni di prigione, colpevole di 18 capi di imputazione per frode. E non basta: il consulente d’arte tedesco Helge Achenbach deve tornare in tribunale a difendere il patrimonio di sua moglie… (artnet.com)

Vi ricordate l’idraulico francese accusato di aver rubato 271 dipinti di Picasso, che lui sosteneva gli fossero stati regalati? È stato condannato a 2 anni, con la condizionale: ma quel che è peggio, dovrà restituire le opere agli eredi… (washingtonpost.com)

Dopo Jay Z e Kanye West, un altro rapper incrocia i suoi destini con l’arte contemporanea: è Jimmy Brooks, aka Drake, coinvolto da Sotheby’s per una mostra di una ventina di artisti negri americani… (nytimes.com)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.