Al via la nona edizione di Art Dubai, la fiera dei grandi numeri (in dollari). Dall’Italia rispondono all’appello cinque gallerie: e uno sponsor d’eccezione…

Nell’inconfondibile paesaggio urbano sovrabbondante di audaci architetture, inaugura per il nono anno consecutivo la fiera Art Dubai. Fondata nel 2007 nella terra dei denari sonanti del petrolio, Art Dubai è potenzialmente l’eldorado dei galleristi d’arte contemporanea e indiscutibilmente la principale fiera d’arte del Medio Oriente. Fino al 21 marzo, nel lussuoso albergo Madinat Jumeirah, saranno 72 […]

Lo stand Franco Noero ad Art Dubai 2015

Nell’inconfondibile paesaggio urbano sovrabbondante di audaci architetture, inaugura per il nono anno consecutivo la fiera Art Dubai. Fondata nel 2007 nella terra dei denari sonanti del petrolio, Art Dubai è potenzialmente l’eldorado dei galleristi d’arte contemporanea e indiscutibilmente la principale fiera d’arte del Medio Oriente. Fino al 21 marzo, nel lussuoso albergo Madinat Jumeirah, saranno 72 gallerie selezionate da 35 paesi a contendersi le attenzioni di collezionisti fra i più facoltosi del globo.
Dall’Italia, sono sbarcate sul Golfo Persico la Laura Bulian Gallery di Milano, specializzata in arte dalla Russia e dall’Asia centrale, la Galleria Continua, con opere di Michelangelo Pistoletto, Mona Hatoum e Daniel Buren, per citare i più noti. E ancora, la Galleria Marie-Laure Fleisch di Roma, con Giuseppe Stampone e altri artisti internazionali, Giacomo Guidi con Maurizio Donzelli e la torinese Franco Noero, che propone, tra gli altri, Tunga, Lara Favaretto e Francesco Vezzoli. La bandiera tricolore sarà presente anche tra gli sponsor con Maserati, uno dei brand di lusso italiani più apprezzati all’estero.

– Marta Pettinau

www.artdubai.ae

CONDIVIDI
Marta Pettinau
Marta Pettinau nasce ad Alghero nel 1984, dove al momento vive e lavora. Ma con la valigia in mano. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia, con una tesi dal titolo “La Biennale Internazionale di Istanbul. Storia, luoghi, esiti di una biennale post-periferica”. Co-curatrice del progetto RI-CREAZIONE per 1:1projects, a Roma, nel 2009; nello stesso ha curato la collettiva Verso Itaca presso Metricubi, a Venezia. Ha collaborato con l’ufficio stampa del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza. Ora è curatrice indipendente e giornalista freelance.
  • angelov

    Ma attenzione!
    Se per sbaglio o per errore
    o altro freudiano lapsus,
    durante la svagata deambulazione
    tra le accattivanti opere
    nelle meravigliose sale dell’hotel,
    ti capitasse di incespicare o sternutire
    od altro naturale svarione
    non in linea con la locale tradizione…
    per te 100 frustate sul culetto
    con gioia verranno propinate
    da un feroce saladin…