Piero di Cosimo stella a Washington (e poi agli Uffizi). Immagini dalla grande mostra appena inaugurata alla National Gallery of Art

Molti aspetteranno l’estate, quando – dal 23 giugno al 27 settembre – farà tappa alla Galleria degli Uffizi di Firenze. Ma i fortunati – pochi o tanti? – che potranno, non si perdano l’occasione della grande mostra del grande pittore Piero di Cosimo, che debutta in questi giorni nientemeno che alla National Gallery of Art […]

Molti aspetteranno l’estate, quando – dal 23 giugno al 27 settembre – farà tappa alla Galleria degli Uffizi di Firenze. Ma i fortunati – pochi o tanti? – che potranno, non si perdano l’occasione della grande mostra del grande pittore Piero di Cosimo, che debutta in questi giorni nientemeno che alla National Gallery of Art di Washington. La prima grande retrospettiva dedicata al genio bizzarro negli Stati Uniti, e una delle più ampie in assoluto, con i 44 dipinti esposti, provenienti da USA e Europa, una diecina dall’Italia.
Fra queste la Liberazione di Andromeda degli stessi Uffizi, forse l’opera simbolo di questo rinascimentale eclettico, difficile da inquadrare in schemi che rifuggiva per seguirei suoi personalissimi simbolismi e le sue inimitabili modalità espressive. Noi in ogni caso siamo andati a dare un’occhiata alla mostra americana, eccovi un po’ di immagini…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.