Nuovo spazio a New York per la Galleria Ierimonti. Italia protagonista nella mostra di esordio, ecco chiccera all’opening

Galleria Ierimonti relocated. Nuova location newyorkese per lo storico spazio di Milano fondato nel 1991 da Carla Delia Piscitelli. E che oggi si trasferisce nello stesso edificio che ospita la galleria Marian Goodman e molte altre, in una logica – quella della coesistenza – tutta newyorkese. Esordio italiano con una prima mostra intitolata Back to […]

Galleria Ierimonti relocated. Nuova location newyorkese per lo storico spazio di Milano fondato nel 1991 da Carla Delia Piscitelli. E che oggi si trasferisce nello stesso edificio che ospita la galleria Marian Goodman e molte altre, in una logica – quella della coesistenza – tutta newyorkese. Esordio italiano con una prima mostra intitolata Back to the 80’s. From Arte Povera to the Rediscovery of Nuovi Nuovi, con opere di Giuseppe Maraniello, Salvo, Luigi Mainolfi, Nicola De Maria, Alighiero Boetti, Mario Merz, Giulio Paolini, Jannis Kounellis e Giuseppe Penone, tra gli altri. Ecco chiccera all’inaugurazione…

Santa Nastro

 

 

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.