Madrid Uptades: italiani alla riscossa in terra di Spagna. Video dalla mostra di Luciano Fabro, foto di quella di Luca Trevisani

Al di là delle presenze in fiera, che analizzeremo comunque, c’è da notare una rappresentanza italiana niente male in quel di Madrid in questi giorni di Arco art week. In particolare grazie a due mostre molto diverse, collocate agli antipodi del centro storico della città ed agli antipodi come tipologia: una grandiosa retrospettiva di un […]

Al di là delle presenze in fiera, che analizzeremo comunque, c’è da notare una rappresentanza italiana niente male in quel di Madrid in questi giorni di Arco art week. In particolare grazie a due mostre molto diverse, collocate agli antipodi del centro storico della città ed agli antipodi come tipologia: una grandiosa retrospettiva di un artista storico e scomparso da anni quella organizzata dal Reina Sofia per Luciano Fabro al Palacio de Velazquez, nel cuore del Parco del Retiro. Una chicca di un giovane italiano come Luca Trevisani all’Istituto Italiano di Cultura che quest’anno, grazie ai buoni uffici dell’ex direttore Carmelo di Gennaro (scaduto il suo mandato) che lo aveva trasformato in un’autentica piccola kunsthalle, conferma la sua presenza di qualità nella capitale spagnola.

Curata da Joao Fernandes, la mostra su Fabro è una ampia antologica con una cinquantina di lavori. Così tanti da stare addirittura stretti negli spazi del padiglione dentro al Retiro che, grazie anche all’ingresso gratuito ed alle bellissime giornate, è gremito di gente. La mostra di Trevisani è invece un focus sulle recenti ricerche dell’artista che vive a Berlino e che ha lavorato trasferendo su varie superfici – tessuti, indumenti, foglie di banano – delle immagini provenienti da antichi erbari e vecchie riviste di design: il risultato è una wunderkammern site specific che avvolge tre sale di Palazzo de Abrantes.

www.museoreinasofia.es
www.iicmadrid.esteri.it

 

 

  • Bravo Luciano Fabro il mio Prof. Per non dimenticare