I Martedì Critici al Madre di Napoli. Dopo un anno al PAN. E per il debutto mettono sul palco il Genius Loci Alfonso Artiaco

Anno nuovo, Martedì Critici nuovi. Se non come format, come scenario: l’ormai celebre piattaforma di incontri, dialoghi e approfondimenti ideata da Alberto Dambruoso e condotta quest’anno assieme a Guglielmo Gigliotti si sposta infatti a Napoli, alla Sala delle Colonne del museo Madre. E celebra il primo dei quattro incontri partenopei con un immancabile omaggio al […]

Alfonso Artiaco

Anno nuovo, Martedì Critici nuovi. Se non come format, come scenario: l’ormai celebre piattaforma di incontri, dialoghi e approfondimenti ideata da Alberto Dambruoso e condotta quest’anno assieme a Guglielmo Gigliotti si sposta infatti a Napoli, alla Sala delle Colonne del museo Madre. E celebra il primo dei quattro incontri partenopei con un immancabile omaggio al Genius Loci, puntando i riflettori sul noto gallerista Alfonso Artiaco.
I Martedì Critici tornano quindi a Napoli dopo le tappe in istituzioni quali il Museo Pecci di Milano, il MACRO e il MAXXI di Roma e il PAN: con l’abituale formula dell’intervista pubblica, corredata da immagini, orientata a di ricostruire mostre, pubblicazioni, progetti, in una pluralità di collaborazioni con artisti, curatori, critici, collezionisti e appassionati. La sua prima galleria, in corso Terracciano a Pozzuoli, Artiaco la aprì nel 1986, all’età di ventidue anni: da allora un crescendo, con nuovi spazi a Napoli, prima in piazza dei Martiri, poi nel palazzo nobiliare De Sangro di Vietri. Con artisti del calibro di Giovanni Anselmo, Jannis Kounellis, Giuseppe Penone, Luigi Mainolfi, Sol LeWitt, Carl Andre.
I prossimi appuntamenti napoletani: il 10 febbraio sarà la volta di Massimo Minini, il 17 febbraio di Antonio Biasiucci, il 24 febbraio di Angela Vettese. E come sempre, per chi non potrà essere presente, ci penserà artribune.tv, offrendovi le registrazioni integrali degli incontri.

http://imartedicritici.com/

  • Napoli sempre più grande grazie a un importante gallerista

  • Manca può troppo il Mr. Prof. Roberto Scala, ma io mi domando perché non sono stato invitato ufficialmente ?

  • Ancora con la censura maledetti